cerca in yoga.it:
home page hatha yoga raja yoga pranayama tantra alimentazione viaggi
lo yoga dell'armonia fisica
la newsletter

per ricevere le novitÓ, gli eventi, per sapere cosa c'Ŕ di nuovo sul sito yoga.it ogni mese

e-mail:



la community

iscrivetevi al feed

Non sai cos'Ŕ un feed? guarda il video di spiegazione!

avete dubbi o richieste? vorreste che venisse affrontato un tema particolare?

non esitate a contattarci per esprimere il vostro parere:

scrivete a yoga.it


i forum di yoga.it

partecipa ai forum di yoga.it

entra

TadÔsana - la montagna

Consente di migliorare la percezione del sistema muscolo-scheletrico e ottenere una corretta postura

TadÔsana - la montagna
25 maggio 2005

Versione per la stampa

Glossario sanscrito

Il nome

La parola sanscrita tada significa montagna; questa Ôsana Ŕ conosciuta anche con il nome di samasthiti-Ôsana: sama significa immobile o anche equilibrio mentre sthiti indica l'atto di stare in piedi con fermezza; tadÔsana dunque Ŕ la posizione della montagna e costituisce la postura verticale di base.

La tecnica

In posizione eretta avvicinare i piedi in modo che tanto gli alluci quanto i talloni siano in contatto fra di loro; per migliorare il bilanciamento inizialmente Ŕ possibile separare leggermente i piedi. Mantenere la schiena diritta, le braccia lungo i fianchi con le palme rivolte verso le cosce e lo sguardo rivolto in avanti.

Sollevare lievemente prima le dita dei piedi poi i talloni e nuovamente riappoggiarli a terra dopo avere allungato bene le piante e le dita dei piedi. Spostare il peso del corpo leggermente avanti e indietro poi a sinistra e a destra riducendo gradualmente l'ampiezza dei movimenti fino ad arrivare ad una perfetta immobilitÓ, con il peso del corpo distribuito uniformemente su talloni, interno ed esterno del piede e dita dei piedi.

Tenere le ginocchia unite e tendere leggermente i muscoli delle cosce sollevando verso l'alto le rotule; contrarre i glutei e portare verso l'alto il coccige e il sacro, distendendo la spina dorsale; lo stomaco viene ritirato senza creare tensione, le clavicole e la parte alta del petto vengono sollevate. Spingere le scapole l'una verso l'altra e verso il basso mantenendo le spalle rilassate.

La posizione classica prevede che le braccia siano sollevate sopra la testa, perpendicolari al pavimento e parallele fra di loro, con le palme rivolte all'interno; la variante comunemente accettata tuttavia prevede che le braccia siano distese con naturalezza lungo i fianchi, le palme rivolte verso le cosce.

La parte superiore della testa ed il centro del bacino sono in linea; distendere il collo, mantenendo la parte inferiore del mento parallela al suolo; rilassare la gola, la lingua, gli occhi e tutto il volto, respirando normalmente. Rimanere in posizione per 30-40 secondi.

Dopo aver acquisito un buon bilanciamento eseguire l'Ôsana con gli occhi chiusi, toccando con la mente ogni parte del corpo, rilasciando eventuali tensioni e portandovi pace ed armonia.

E' possibile verificare il corretto allineamento appoggiandosi ad un muro: restare in piedi con la parte posteriore dei talloni, l'osso sacro e le scapole a contatto con la parete; la nuca deve risultare molto vicina al muro ma non appoggiata.

All'interno di una sequenza TadÔsana pu˛ essere praticata come preparazione alle altre posizioni in piedi, come pausa di consapevolezza fra le Ôsana in piedi o separatamente, per migliorare la percezione del sistema muscolo-scheletrico e conquistare una corretta postura.

Quando la mente Ŕ concentrata e priva di distrazioni il corpo risulta ben piantato ed immobile come una montagna.

Effetti della posizione

Molti problemi fisici sono riconducibili ad una cattiva postura. Se la colonna vertebrale non ha un corretto allineamento il risultato Ŕ spesso una disarmonia che pu˛ portare alla perdita di elasticitÓ della spina dorsale stessa e ai pi¨ svariati disturbi.

La pratica di tadÔsana permette di osservare - e col tempo correggere - questi errori posturali, come ad esempio il peso appoggiato maggiormente su uno dei due piedi o solo sui talloni, le spalle sollevate, il collo contratto.

TadÔsana inoltre rinforza le ginocchia, le caviglie, i muscoli delle cosce, dell'addome ed i glutei; aiuta ad alleviare la sciatica e risulta benefica in caso di piedi piatti.

Controindicazioni

Questa posizione non ha controindicazioni, tuttavia dovrÓ essere eseguita con cautela in caso di bassa pressione, mal di testa, insonnia e infiammazioni o lesioni alle ginocchia.

di redazione yoga.it

Segnala l'articolo

La pagina di segnalazione si aprirÓ in una nuova finestra del browser

Segnala su Upnews Posta su Segnalo Segnala su OKnotizie Segnala su diggita.it Segnala su Wikio Segnala su Stumbleupon Segnala su del.icio.us Segnala su Facebook Segnala su digg

Versione per la stampa

Articoli correlati:

nessun articolo presente

Ti Ŕ piaciuto l'articolo? Abbonati al nostro feed per ricevere gli articoli direttamente sul tuo computer.

Non sai cos'Ŕ un feed? guarda il video di spiegazione!

gli Ôsana

Bibliografia


l'archivio

Gli articoli correlati:

nessun articolo presente

l'archivio

Gli articoli pi¨ letti della sezione hatha yoga:

Cos'Ŕ l'Hatha Yoga

SiddhÔsana

PadmÔsana

SarvÔngÔsana

HalÔsana

PascimottanÔsana

Tutti gli articoli della sezione hatha yoga:

elenco articoli