cerca nel sito yoga.it:
home page hatha yoga raja yoga pranayama tantra alimentazione viaggi
lo yoga dell'armonia fisica
la newsletter

per ricevere le novitÓ, gli eventi, per sapere cosa c'Ŕ di nuovo sul sito yoga.it ogni mese

e-mail:



la community

iscrivetevi al feed

Non sai cos'Ŕ un feed? guarda il video di spiegazione!

avete dubbi o richieste? vorreste che venisse affrontato un tema particolare?

non esitate a contattarci per esprimere il vostro parere:

scrivete a yoga.it


i forum di yoga.it
gli ultimi messaggi:
La Via dello Yoga
02 settembre - 08:03
di gb
80 anni
01 settembre - 17:40
di ckstars
Iyengar 1918 - 2014
01 settembre - 11:31
di ckstars
Prima volta
31 agosto - 15:59
di jasmin
Segretezza e Riserbo
31 agosto - 01:30
di Premadharma
Rischi della meditaz...
30 agosto - 16:02
di trasparente
La veritÓ
28 agosto - 22:09
di trasparente
The Transhumanist Bo...
26 agosto - 18:56
di matasilogo

partecipa ai forum di yoga.it

entra

Ardha MatsyendrÔsana

Una postura che tonifica la spina dorsale e rinforza tutta la muscolatura della colonna vertebrale

Ardha MatsyendrÔsana
08 agosto 2006

Versione per la stampa

Glossario sanscrito

Il nome

Si narra che un giorno un pesce si trovasse a passare nei pressi di una caverna, dove rimase affascinato dalla voce melodiosa del dio Siva che in quel momento era intento ad illustrare alla sua amata sposa Parvati i misteri dello Yoga; una volta accortosi che il pesce aveva ascoltato i segreti insegnamenti, Siva, spruzzando dell'acqua su di esso, gli don˛ forma divina trasformandolo in Matsyendra, ovvero il źsignore dei pesci╗; da allora Matsyendra tramand˛ in gran segreto le tecniche apprese divenendo cosý il primo yogin.

Ardha significa źmetÓ╗: questa posizione Ŕ dunque la versione semplificata di MatsyendrÔsana, che prende il nome ed Ŕ dedicata a questo grande rishi.

La tecnica

Sedersi sul pavimento con le gambe distese dinnanzi a sÚ, le palme delle mani appoggiano a terra, le dita sono unite e puntano in avanti; piegare il ginocchio destro, sollevare la gamba destra e poggiare il piede destro a fianco del lato esterno della coscia sinistra in modo che il lato destro della caviglia destra tocchi il lato esterno della coscia sinistra e che lo stinco destro sia perpendicolare al terreno; piegare ora la gamba sinistra portando il tallone verso il perineo, mantenendo il dorso del piede, il ginocchio ed entrambi i glutei a contatto con il terreno.

Cercando di mantenere la colonna vertebrale eretta e la linea delle spalle parallela al suolo, ruotare il tronco verso destra con un'espirazione, fino a portare l'ascella sinistra oltre il ginocchio destro; gli adepti avanzati potranno piegare il gomito sinistro portando il polso dietro la schiena all'altezza della vita, mentre chi non ne ha la possibilitÓ pu˛ afferrare la caviglia destra con la mano sinistra. Se non si riesce a mantenere la schiena eretta o i glutei a contatto con il suolo Ŕ possibile utilizzare una coperta ripegata come supporto su cui sedersi per agevolare una corretta torsione.

Sollevare il braccio destro fissando la punta delle dita quindi, sfruttando il braccio sinistro come leva contro la gamba destra, cercare di ruotare al massimo il tronco verso destra senza utilizzare i muscoli della schiena, muovendo contemporaneamente il braccio, il tronco ed infine la testa.

Portare il braccio destro dietro la schiena, piegare il gomito ed afferrare il polso sinistro oppure, nel caso non fosse possibile, poggiare il palmo destro a terra vicino ai glutei con le punte delle dita rivolte all'indietro, tendere il gomito e sostenere il corpo.

La testa pu˛ essere ruotata verso sinistra, fissando lo sguardo al di sopra della spalla sinistra e accentuando la torsione, oppure verso destra, fissando lo sguardo al centro fra le sopracciglia; in entrambi i casi il mento rimane alto, la testa dritta.

Per uscire dalla posizione liberare le mani, inspirare e ritornare alla posizione di partenza sollevando il piede destro, distendendo la gamba destra ed infine la sinistra; ripetere quindi dalla parte opposta.

Mantenere l'Ôsana fino ad un minuto per lato respirando profondamente; inizialmente la respirazione risulterÓ corta e veloce a causa della compressione del diaframma, ma con la pratica tenderÓ a normalizzarsi.

Effetti della posizione

Ardha MatsyendrÔsana tonifica la spina dorsale e previene la sacralizzazione della quinta vertebra lombare, inoltre rinforza ed allunga tutta la muscolatura della colonna vertebrale. Allevia mal di schiena di varia natura, lombalgie e dolori ai fianchi.

La compressione alternata del ventre stimola la milza, il fegato, gli altri organi addominali e le surrenali, inoltre, se si inizia dal lato destro come descritto, viene stimolata la peristalsi intestinale e ridotta la costipazione.

Controindicazioni

La posizione deve essere evitata dalle donne che si trovano oltre il terzo mese di gravidanza. E' necessaria inoltre una guida esperta in caso di sciatica, ernia del disco, ipertiroidismo ed ulcera peptica.

di redazione yoga.it

Segnala l'articolo

La pagina di segnalazione si aprirÓ in una nuova finestra del browser

Segnala su Upnews Posta su Segnalo Segnala su OKnotizie Segnala su diggita.it Segnala su Wikio Segnala su Stumbleupon Segnala su del.icio.us Segnala su Facebook Segnala su digg

Versione per la stampa

Articoli correlati:

nessun articolo presente

Ti Ŕ piaciuto l'articolo? Abbonati al nostro feed per ricevere gli articoli direttamente sul tuo computer.

Non sai cos'Ŕ un feed? guarda il video di spiegazione!

gli Ôsana

Bibliografia


l'archivio

Gli articoli correlati:

nessun articolo presente

l'archivio

Gli articoli pi¨ letti della sezione hatha yoga:

PadmÔsana

SiddhÔsana

Cos'Ŕ l'Hatha Yoga

HalÔsana

PascimottanÔsana

SarvÔngÔsana

Tutti gli articoli della sezione hatha yoga:

elenco articoli