Ritenzione del seme 2

tantra-yoga, vie dello yoga vecchie e nuove
eracle
vaisya
vaisya
Messaggi: 160
Iscritto il: 27 aprile 2006, 17:29

Ritenzione del seme 2

Messaggioda eracle » 1 luglio 2007, 20:20

...al di là di tantra, yoga, ed altre discipline orientali; cui ancora peraltro non sono riuscito ad avvicinarmi seriamente... è verosimile riuscire per sempre a non eiaculare? Nel senso che probabilmente anche i maestri di tantra qualche volta eiaculano. Se si, ci posso riuscire da profano? E se si, come?
Saluti.

R9+
brahmana
brahmana
Messaggi: 1354
Iscritto il: 7 marzo 2006, 22:52
Località: ovunque ci sia mare e amore

Messaggioda R9+ » 1 luglio 2007, 21:09

Prova col bromuro.

Avatar utente
gb
brahmana
brahmana
Messaggi: 4294
Iscritto il: 26 aprile 2005, 17:49

Messaggioda gb » 2 luglio 2007, 9:49

Torno oggi dalla Maremma.

Non ti so rispondere, ma mi incuriosiscono le motivazioni di tale aspirazione
“Negli alberi, nel vento, nell’acqua perenne,
nella terra, nella luce, nella roccia inflessibile”
Giovanni Vannucci

grazianozap
brahmana
brahmana
Messaggi: 1366
Iscritto il: 30 dicembre 2006, 17:45

Messaggioda grazianozap » 2 luglio 2007, 11:54

gb ha scritto:Torno oggi dalla Maremma.

Non ti so rispondere, ma mi incuriosiscono le motivazioni di tale aspirazione


ma è semplice.
da noi c'è un detto che dice:
non lungo che fori
non grosso che turi
ma duro che duri. :D
samastaloka sukhino bhavantu

Avatar utente
anais
brahmana
brahmana
Messaggi: 1239
Iscritto il: 25 gennaio 2007, 23:13
Località: ovunque e da nessuna parte

Messaggioda anais » 2 luglio 2007, 19:10

come sei soave graziano!!
sottile ecco come sei....... :mrgreen:
Se per la gioia cammini a un metro da terra, niente ti farà inciampare.

eracle
vaisya
vaisya
Messaggi: 160
Iscritto il: 27 aprile 2006, 17:29

motivazioni

Messaggioda eracle » 2 luglio 2007, 19:31

...c' erano anche le motivazioni di graziano, ma le motivazioni più reali sono qelle salutistiche. Non sono poche le correnti, religioni, perlopiù orientali, che danno forte valore al seme maschile e alla sua ritenzione (longevità, forza, armonia, ecc...); credo il Taoismo sopra tutte; ma c' è in questo forum chi potrebbe illuminarci meglio e di più a riguardo.

In ogni caso le motivazioni sono sopratutto salutistiche... anche, probabilmente, poco ragionate, da parte mia, scientificamente (anzi se qualcuno ha qualche a rigardo link gliene sarei grato). Forse queste motivazioni sussistono sopratutto a un livello di suggestione... in ogni caso la mia idea è fortemente questa (del valore salutistico della ritenzione del seme).
Ciao :)

grazianozap
brahmana
brahmana
Messaggi: 1366
Iscritto il: 30 dicembre 2006, 17:45

Messaggioda grazianozap » 3 luglio 2007, 13:03

anais ha scritto:come sei soave graziano!!
sottile ecco come sei....... :mrgreen:


Soave?
Realistico.
Credo che quello che cerca Eracle sia quello o no?
E un po tutti noi maschietti vorremmo dimostrare alla nostra donna la nostra virilità soprattutto in termini di prestazioni.
E' una cosa su cui devo ancora lavorare molto.
Ma quel sottile a cosa si riferiva? :mrgreen:
samastaloka sukhino bhavantu

Avatar utente
fabio
moderatore
Messaggi: 3075
Iscritto il: 24 marzo 2006, 11:35

Re: Ritenzione del seme 2

Messaggioda fabio » 3 luglio 2007, 14:21

eracle ha scritto:...al di là di tantra, yoga, ed altre discipline orientali; cui ancora peraltro non sono riuscito ad avvicinarmi seriamente... è verosimile riuscire per sempre a non eiaculare? Nel senso che probabilmente anche i maestri di tantra qualche volta eiaculano. Se si, ci posso riuscire da profano? E se si, come?
Saluti.


ciao eracle, mi permetto, come se fossimo al bar a bere una birra insieme, amichevolmente, di chiederti di desistere da questo insano (a mio parere) intento.
un abbraccio
IL GRANDE CONTROLLORE

Avatar utente
gb
brahmana
brahmana
Messaggi: 4294
Iscritto il: 26 aprile 2005, 17:49

Messaggioda gb » 3 luglio 2007, 15:01

Mi associo all'amico Fabio: per intenti salutistici credo ci siano molte altre cose da fare rispetto al non eiaculare, tipo correggere l'alimentazione, fare sport, fare yoga, stressarsi di meno, copulare a più non posso come se fossimo prossimi alla fine del mondo etc. etc...
“Negli alberi, nel vento, nell’acqua perenne,

nella terra, nella luce, nella roccia inflessibile”

Giovanni Vannucci

Avatar utente
gimnosofista
ksatriya
ksatriya
Messaggi: 301
Iscritto il: 20 ottobre 2006, 12:00

Messaggioda gimnosofista » 3 luglio 2007, 18:30

gb ha scritto:Mi associo all'amico Fabio: per intenti salutistici credo ci siano molte altre cose da fare rispetto al non eiaculare, tipo correggere l'alimentazione, fare sport, fare yoga, stressarsi di meno, copulare a più non posso come se fossimo prossimi alla fine del mondo etc. etc...


Mi associo a gb che si associa a Fabio. E poi se vai avanti senza eiaculare per ore sai che palle per tutti e due (non per Fabio e per gb ma per lui e lei). Mi immagino lei che dopo i primi 10mn comincia a guardare la TV con lui sopra (sopra di lei non sopra la TV).

Inoltre la mia modestissima esperienza mi dice che eiaculare e' bello, se lui eiacula fa bene anche a lei (una questione di ormoni che non saprei spiegare)

Avatar utente
Sheena
vaisya
vaisya
Messaggi: 186
Iscritto il: 19 dicembre 2005, 17:22
Località: Torino

Messaggioda Sheena » 3 luglio 2007, 19:27

grazianozap ha scritto:E un po tutti noi maschietti vorremmo dimostrare alla nostra donna la nostra virilità soprattutto in termini di prestazioni.
E' una cosa su cui devo ancora lavorare molto.


Sei un uomo o un vibratore?!

Scusa l'insolenza, ma a mio parere un vibratore può soddisfare i requisiti di durezza, longevità dell'erezione e ritenzione del seme, meglio di qualsiasi essere umano di sesso maschile...

Non dico che la prestanza di cui parli sia qualcosa di completamente trascurabile, però non è certo sufficiente a garantire il buon esito dell'incontro!!

Tempo fa, ad una conferenza, un maestro della scuola di yoga che frequentavo affermò che l'interesse per il tantra, inteso come "how to dell'ars amandi" (queste sono parole mie..), fosse un'illusione prodottasi per far fronte alle proprie delusioni...

Lì per lì non diedi molto peso alle sue parola, ma tempo dopo, non solo in seguito ad elucubrazioni personali, ma soprattutto ad esperienze concrete con persone reali, ho iniziato a prendere in considerazione la sua opinione e ritenerla fondata.

Tra le altre pochissime cose che disse a riguardo dell'argomento, mi ricordo che affermò che tali tecniche, nelle quali viene coinvolto l'ambito sessuale, riguardassero il passato, che si trattasse di un treno che avesse fatto la sua ultima corsa ormai molti anni orsono...qualcuno sa dirmi cosa volesse dire, a quali tempi facesse riferimento ecc..?
Devo ammettere che la sua laconicità mi incuriosì non poco...capivo che avesse un' opinione complessa sull'argomento, ma che non intendesse renderla manifesta..boh...

Detto questo vi saluto...

ciao ciao

S.
eadem mutata resurgo
Immagine

AT
brahmana
brahmana
Messaggi: 2512
Iscritto il: 28 marzo 2005, 19:38

Messaggioda AT » 3 luglio 2007, 20:28

Tra le altre pochissime cose che disse a riguardo dell'argomento, mi ricordo che affermò che tali tecniche, nelle quali viene coinvolto l'ambito sessuale, riguardassero il passato, che si trattasse di un treno che avesse fatto la sua ultima corsa ormai molti anni orsono...qualcuno sa dirmi cosa volesse dire, a quali tempi facesse riferimento ecc..?
Devo ammettere che la sua laconicità mi incuriosì non poco...capivo che avesse un' opinione complessa sull'argomento, ma che non intendesse renderla manifesta..boh...



Queste parole mi incuriosiscono molto. In che senso lo yoga sessuale riguarda il passato? Cosa c'era, nel passato, che oggi non c'è più? Quali mutamenti sarebbero avvenuti?

Avatar utente
anais
brahmana
brahmana
Messaggi: 1239
Iscritto il: 25 gennaio 2007, 23:13
Località: ovunque e da nessuna parte

Messaggioda anais » 3 luglio 2007, 20:49

Sheena ha scritto:
grazianozap ha scritto:E un po tutti noi maschietti vorremmo dimostrare alla nostra donna la nostra virilità soprattutto in termini di prestazioni.
E' una cosa su cui devo ancora lavorare molto.


Sei un uomo o un vibratore?!

Scusa l'insolenza, ma a mio parere un vibratore può soddisfare i requisiti di durezza, longevità dell'erezione e ritenzione del seme, meglio di qualsiasi essere umano di sesso maschile...

Non dico che la prestanza di cui parli sia qualcosa di completamente trascurabile, però non è certo sufficiente a garantire il buon esito dell'incontro!!


Brava Sheena concordo!!! :mrgreen:
Se per la gioia cammini a un metro da terra, niente ti farà inciampare.

Avatar utente
pushan
brahmana
brahmana
Messaggi: 1727
Iscritto il: 15 gennaio 2007, 11:57

Messaggioda pushan » 3 luglio 2007, 22:49

AT ha scritto:Tra le altre pochissime cose che disse a riguardo dell'argomento, mi ricordo che affermò che tali tecniche, nelle quali viene coinvolto l'ambito sessuale, riguardassero il passato, che si trattasse di un treno che avesse fatto la sua ultima corsa ormai molti anni orsono...qualcuno sa dirmi cosa volesse dire, a quali tempi facesse riferimento ecc..?
Devo ammettere che la sua laconicità mi incuriosì non poco...capivo che avesse un' opinione complessa sull'argomento, ma che non intendesse renderla manifesta..boh...


Queste parole mi incuriosiscono molto. In che senso lo yoga sessuale riguarda il passato? Cosa c'era, nel passato, che oggi non c'è più? Quali mutamenti sarebbero avvenuti?


Nel passato era parte dell'ars amandi, dello yoga, la contemplazione dell'unione dei corpi in un'estasi duratura e condivisa...ora sembrerebbe di più il quadretto di lei-lui e la televisione in un tentativo di riproduzione di qualcosa che percepiamo come autentico ma che, purtroppo o per fortuna, non si impara sui libri ....nè si improvvisa attraverso l'impegno intellettuale o lo sforzo fisico.

L'unione del maschile e del femminile non era una corsa ad ostacoli con premio finale (possibilmente per entrambi) e con conseguente fiatone e bisogno di ripristinare l'emoraggia energetica attraverso tenerezze, cibo o chiacchiere...
Emoraggia energetica piacevole, per la gioia (brevissima, però) dei corpi impegnati in un atto dinamico e prestazionale seguito, appunto, dal "premio finale".
L'esperienza dell'estasi è completamente diversa da quella dell'orgasmo "classico".
In alternativa alla pratica (soprattutto "fai da te" :mrgreen: )consiglio la rilettura di alcune parti del libro sul tantra di Osho, ha alcuni passaggi molto chiarificatori,
semplici ed essenziali.
Non male anche il libro del francese Daniel Odier per un approccio complessivamente pulito al mondo del tantra sessuale.
ciao
pushan

devata
brahmana
brahmana
Messaggi: 784
Iscritto il: 25 gennaio 2006, 14:14
Località: Roma

Messaggioda devata » 4 luglio 2007, 1:03

gimnosofista ha scritto:[

mi associo a gb che si associa a Fabio. E poi se vai avanti senza eiaculare per ore sai che palle per tutti e due (non per Fabio e per gb ma per lui e lei). Mi immagino lei che dopo i primi 10mn comincia a guardare la TV con lui sopra (sopra di lei non sopra la TV).

Ti immagini male....il tuo discorso sa tanto della volpe che considerava l'uva acerba, quando si realizza una fusione amorosa vivendola con sacralità e arrivando in tal modo all'estasi non esiste più il tempo; possono trascorrere ore e il desiderio non diminuisce...
Poi scusa una cosa: se dici che lei dopo 10 minuti comincia a guardare la TV forse il problema è un'altro?
Considera anche che la donna ha bisogno di maggior tempo rispetto all'uomo per vivere l'orgasmo pieno, se la fusione dura 10mn ...la vedo un pò frustrata...


Inoltre la mia modestissima esperienza mi dice che eiaculare e' bello, se lui eiacula fa bene anche a lei (una questione di ormoni che non saprei spiegare)


Se sapessi in realtà come stanno le cose a livello energetico per lei quando lui eiacula non scriveresti certe cose.
Ciao
"Sii umile come un filo d'erba e paziente e capace di sopportare come un albero"


Torna a “Tantra e altre vie”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 0 ospiti

cron