fastidi alla cervicale

lo yoga come terapia per il corpo e per la mente
Avatar utente
pushan
brahmana
brahmana
Messaggi: 1725
Iscritto il: 15 gennaio 2007, 11:57

Messaggioda pushan » 24 gennaio 2014, 11:13

mely ha scritto:una domanda...ma nella posizione della candela le mani non vanno alla schiena?

Sì, ma loro stanno confrontandosi sull'evoluzione della posizione della candela.
Se le mani sono posizionate perfettamente il cranio trova un sostegno perfetto nelle mani (messe nell'apposito "mudra" che Ckstar descrive: mudra del becco del corvo, mi pare) e così il cranio non tocca terra e la colonna vertebrale "si srotola" completamente.

Ckstar non sbaglia, ma parla a gente molto esperta e perfettamente in "peso forma" o comunque capace di alleggerire i chili del corpo con l'aiuto delle mani, senza "schiantarsi" le cervicali. Puoi provare a visualizzare la posizione "magistrale" descritta da Ckstar.

Dal mio punto di vista, quando le posizioni yoga "evolvono" significa anche che il sadhaka, il praticante, attenziona dettagli a cui il "principiante" non può ancora, e non deve, far caso.

Ad esempio viene osservato l'equilibrio "perfetto" in un piccolo punto che "controlla" tutto il corpo gestendone il peso (che si annulla), si sperimenta l'assenza completa di fatica e di tensione in tutte le parti del corpo, compresi gli organi interni che si "distendono" e trovano spazio nella "cavità", viene la sensazione che il corpo assuma l'asana in uno spazio immenso e senza limiti, e che il corpo sia fatto d'aria... sparisce la divisione tra interno ed esterno.
Io non sono il mio corpo, ma il corpo è in me.
Chi sono io?
Una bella domanda che attiene anche ai praticanti/principianti di yoga (tra cui mi ci metto, avendo a volte, soprattutto il mattino, qualche disagio a rimettermi il corpo "in me" senza stressarlo :)

PS: il tuo istruttore fa bene a farti passare più volte dalla posizione dell'aratro alla semicapovolta/capovolta. E' un buon auto-massaggio della colonna vertebrale, invece mantenere l'asana per più minuti (respirando/meditando sulla forma) è pratica che si fa più avanti nel tempo, quando si riesce a non soffrire più nella posizione finale.
Repetite iuvant, dicevano i nostri avi latini. :wink:
E poi IMPORTANTE, come ha anche ribadito Ckstars, fare sempre le opportune controposizioni.
per la candela matsyasana
Ultima modifica di pushan il 24 gennaio 2014, 21:34, modificato 1 volta in totale.

ckstars
brahmana
brahmana
Messaggi: 1209
Iscritto il: 6 settembre 2005, 19:14
Contatta:

Messaggioda ckstars » 24 gennaio 2014, 15:10

(avevo visto comparire un post di Matas fuorviante ma poi e' scomparso)

Mi ripeto per chiarire. Cio’ che ho consigliato e’ VIPARITA KARANI per capirci senza muro e porre le mani a C come diffusamente spiegato poi SI PUO’ salire in Salamba SARVANGASANA ma e’ sconsigliato altamente a chi ha solo pochi mesi di esperienza e/o algie infiammatorie nella zona cervicale.

Visto che sono qui consiglio la lettura del bellissimo:
V.Scaravelli, Awakening the Spine.

(spero che il libro si possa leggere senza ....

Le informazioni e le descrizioni da Lei indicate sono di carattere generale. NON sono stati eseguiti test medicali sulle terapie descritte ... ecc. ecc.

anche se la grande Vanda ci ha lasciato con idee completamente differenti a quelle di zio Matas)

Un abbraccio, Cks

Avatar utente
matasilogo
brahmana
brahmana
Messaggi: 1947
Iscritto il: 16 agosto 2008, 11:41
Località: Villa d'Adda Bergamo
Contatta:

Re: fastidi alla cervicale

Messaggioda matasilogo » 24 gennaio 2014, 15:10

mely ha scritto:ciao e da circa un paio di mesi che pratico yoga e ormai da quasi tre che soffro di fastidi alla cervicale ,spalle e collo non hai avuto un vero e proprio dolore ma bensi indolenzimento della zona
questa e una delle ragioni per cui mi sono avvicinata allo yoga e sono molto contenta,il problema e che quando a lezione dobbiamo praticare Salamba Sarvangasana o halasana non riesco a concentrarmi e le affronto con grande paura.
vorrei sapere se queste posizioni sono consigliate nel mio caso dato che non nessuna frattura o se devo evitarle fino a che il fastidio non sara scomparso
spero di ricevere una risposta per poter chiarire questo dubbio che mi tormenta
grazie :?:


Vedi
https://www.google.it/search?q=salamba+ ... 49&bih=669

Ribadisco che la condizione primaria è la perfetta funzionalità e robustezza del cingolo scapolare che da solo deve essere in grado di sostenere il corpo mentre il collo deve essere quasi completamente scarico
ImmagineIn pratica devono essere le spalle a sostenere il corpo come in sirsasana.
OmNDA
Leggi i Sutra di Patangiali Edizione tradotta da Taimni o Iyengar.
Nella Natura, nello Yoga, nella Scienza i percorsi si intrecciano e producono l'evoluzione.
Il cambiamento è vita. Meglio collaborare che confliggere.
OM

ckstars
brahmana
brahmana
Messaggi: 1209
Iscritto il: 6 settembre 2005, 19:14
Contatta:

Messaggioda ckstars » 24 gennaio 2014, 15:19

Sono un sostenitore di Pincha Mayurasana e del suo ciclo evolutivo prima di Sirsasana.
Un abbraccio, Cks

Avatar utente
fabio
moderatore
Messaggi: 3075
Iscritto il: 24 marzo 2006, 11:35

Messaggioda fabio » 24 gennaio 2014, 16:25

ckstars ha scritto:(avevo visto comparire un post di Matas fuorviante ma poi e' scomparso)

Mi ripeto per chiarire. Cio’ che ho consigliato e’ VIPARITA KARANI per capirci senza muro e porre le mani a C come diffusamente spiegato poi SI PUO’ salire in Salamba SARVANGASANA ma e’ sconsigliato altamente a chi ha solo pochi mesi di esperienza e/o algie infiammatorie nella zona cervicale.

Un abbraccio, Cks


Non ci si può fare una colpa se ci sono persone che non sanno leggere in italiano su un forum in italiano.
Non si tratta di sapere fare un asana o l'altra, ma si tratta di leggere quel che c'è scritto. Magari leggere con calma, capire ciò che intende l'interlocutore e poi fare domande e/o appendici/critiche. Anche questo può essere yoga.
Io sono un normopensante e ho capito quel che hai scritto perchè in italiano. Se poi qualcuno ti chiede delucidazioni su un asana di cui non hai parlato, o pensa che (capovolgendo l'argomento :) ) stai parlando di sirsasana... beh affari suoi.
IL GRANDE CONTROLLORE

Avatar utente
Andrea AtuttoYoga
sudra
sudra
Messaggi: 31
Iscritto il: 25 maggio 2015, 12:51
Località: Viterbo
Contatta:

Re: fastidi alla cervicale

Messaggioda Andrea AtuttoYoga » 30 maggio 2016, 17:40

Io se fossi in te ne parlerei con il tuo insegnante che sicuramente ti può aiutare. Una soluzione potrebbe essere nel fare queste due posizioni con i supporti come nel metodo Iyengar. In questo modo c'è meno peso che grava nelle vertebre cervicali e puoi rilassarti per più tempo nella posizione.
Fondatore del blog http://www.atuttoyoga.it


Torna a “Yoga e salute”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite