Strano incontro con Ganesh e mantra!

il significato, le tecniche
valeaug75
sudra
sudra
Messaggi: 14
Iscritto il: 19 ottobre 2012, 1:09

Strano incontro con Ganesh e mantra!

Messaggioda valeaug75 » 30 gennaio 2017, 17:35

Ciao a tutti!
Scusate la lunga assenza, mi sono iscritta qualche anno fa presentandomi con l'argomento "Recitare più mantra...si può?: viewtopic.php?t=4824
Dal 2012 sono cambiate tante cose. Tra impegni di lavoro e coinvolgimenti emotivi (negativi) ammetto di essermi allontanata molto dall'idea di andare alla ricerca di un mantra che potesse aiutarmi. Forse sbagliando o, a questo punto, indovinando!
Vi spiego: nel 2013 sono stata assunta presso un'azienda che in quel periodo stava traslocando. All'interno di un ripostiglio trovai una statuetta di Ganesh che era stata regalata come buon auspicio ai miei colleghi italiani da colleghi indiani venuti in visita in Italia, ma che loro avevano nascosto perché, ignorantemente, pensavano fosse qualcosa di occulto.
Io, che ho sempre avuto un gran rispetto per tutte le religioni del mondo l'ho riesumata, spolverata e messa sulla mia scrivania.
Il mio doveva essere un lavoro provvisorio e per niente legato alle mie competenze professionali.
Ho onorato la statuetta di Ganesh in maniera semplice, senza mantra e senza cerimonie particolari, ma limitandomi a tenerla lì vicino a me.
Ad un certo punto ho sentito la necessità di capire cosa ci fosse dietro al culto di Ganesh, e così, attraverso internet, sono arrivata al suo mantra om gam ganapataye namaha. Per quel che possa offrire internet ne ho studiato il significato e, in maniera incostante e senza preparazione, ho cominciato a recitarlo. Dopo sei mesi...lavoro a tempo indeterminato, dopo 2 anni...una serie di soddisfazioni professionali.
Ma il discorso non è tanto questo (credo di capire cosa sia successo), infatti oggi tutto è legato al rapporto che oggi sento di avere con lui, tanto da non sentire né avere la voglia di cambiare mantra, malgrado abbia letto che il mantra deve essere dato da un maestro.
Alla luce di tutto questo, qualche mese fa ho deciso di recitare il mantra (sempre in maniera incostante) chiedendo espressamente la distruzione di tutti gli ostacoli che c'erano nella mia vita sentimentale, sia quelli tra me e l'altra persona, sia quelli tra me e il resto del mondo qualora fosse destino chiudere la mia storia ormai avvelenata da una serie di fattori. Insomma, ad un certo punto ho capito che per me l'impedimento era l'incapacità di chiudere questa storia (per fattori emotivi, ovviamente), impedimento alla mia felicità. Ebbene, ciò che pensavo non potesse mai succedere...è successo, ci siamo lasciati. E' successo da pochissimo, ma sento uno stato di liberazione interiore indescrivibile.
Oggi sento di dover fare di più e bene.
Chiedo a voi, saggi più esperti di me, se Ganesh è il distruttore di tutti gli ostacoli per lo più legati alla vita materiale o professionale, quali dinamiche sono scattate all'interno della mia vita sentimentale? E' forse Ganesh colui che può distruggere qualsiasi tipo di ostacolo?
E, riferendomi alla pratica, come mi consigliate di muovermi da questo momento in poi?
Vi ringrazio di cuore anticipatamente!
Vale

PS: Paolo proietti, non farmi spaventare come hai fatto la volta scorsa con la storia di Durga ahahahaha! Scherzo! Saluti cari!

Torna a “Mantra”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite