L'amore infinito

recensioni, richieste e discussioni su libri, video, musiche, riviste spirituali
Paolo proietti
brahmana
brahmana
Messaggi: 5599
Iscritto il: 8 maggio 2005, 20:58
Località: Padova
Contatta:

L'amore infinito

Messaggioda Paolo proietti » 10 marzo 2013, 23:19

BUON MAHASHIVARATRI,
Paolo

da : Andrea Pagano di Melito - Prefazione a "SETTE SAGGI MAESTRI SULL'AMORE" - Lars Gyllensten, Edizioni NOVECENTO, traduzione di Andrea Pagano di Melito e Alberto Criscuolo.

Immagine

"...L'inconcepibile non è per questo meno reale", sostiene Gyllesten citando Pascal, " la realtà è molto più complessa, inaccessibile e provocatoria di quanto noi crediamo"; e tornando al discorso sull'amore possibile oltre il disincanto, aggiunge: "sarebbe una prevaricazione sostenere che l'essere umano possa venire descritto in maniera conclusiva e soddisfacente; esso possiede qualcosa di inconcluso che nessuna immagine può colmare...L'essere umano deve quindi non solo essere ritratto e descritto, esso deve anche essere osannato, si, amato, perché l'amore è decisamente qualcosa di inesauribile che ci rivela il non finito,l'infinito..." Questo approccio esistenziale può apparire ad alcuni come il coraggioso ma insensato farneticare di un folle. certamente è un richiamo a fare un passo che può paralizzare dal terrore, come accade all'adolescienziale ragno portacroce di uno dei suoi racconti, ipnotizzato e pietrificato di fronte all'irresistibile ma micidiale rete dell'ammaliante tessitrice che minaccia di fagocitarlo tra gli spasimi.
nel racconto seguente, quello conclusivo, l'autore mostra scherzosamente che la paura può anche essere vinta. Quando infine si affrontano i rischi e le conseguenze ciò che appariva come la fine, come un pericolo mortale, si reincarna e riprende a pulsare riproponendosi come l'inizio di una nuova storia. Gyllesten ricorda che alberghiamo la diversità anche a livello individuale, ed è un bene. per questo anche nell'amore il punto di coesione più profondo può essere dettato non tanto dalla similitudine quanto dalla differenza. Quello che avvicina allora non è tanto l'esistenza di un ponte, quanto l'esser pronti a confrontarsi con l'abisso...
Il Manzo non Esiste

Avatar utente
stebau
brahmana
brahmana
Messaggi: 538
Iscritto il: 30 luglio 2010, 10:56
Località: PESCARA

Re: L'amore infinito

Messaggioda stebau » 11 marzo 2013, 8:08

Paolo proietti ha scritto:BUON MAHASHIVARATRI,
Paolo

da : Andrea Pagano di Melito - Prefazione a "SETTE SAGGI MAESTRI SULL'AMORE" - Lars Gyllensten, Edizioni NOVECENTO, traduzione di Andrea Pagano di Melito e Alberto Criscuolo.

Immagine

"...L'inconcepibile non è per questo meno reale", sostiene Gyllesten citando Pascal, " la realtà è molto più complessa, inaccessibile e provocatoria di quanto noi crediamo"; e tornando al discorso sull'amore possibile oltre il disincanto, aggiunge: "sarebbe una prevaricazione sostenere che l'essere umano possa venire descritto in maniera conclusiva e soddisfacente; esso possiede qualcosa di inconcluso che nessuna immagine può colmare...L'essere umano deve quindi non solo essere ritratto e descritto, esso deve anche essere osannato, si, amato, perché l'amore è decisamente qualcosa di inesauribile che ci rivela il non finito,l'infinito..." Questo approccio esistenziale può apparire ad alcuni come il coraggioso ma insensato farneticare di un folle. certamente è un richiamo a fare un passo che può paralizzare dal terrore, come accade all'adolescienziale ragno portacroce di uno dei suoi racconti, ipnotizzato e pietrificato di fronte all'irresistibile ma micidiale rete dell'ammaliante tessitrice che minaccia di fagocitarlo tra gli spasimi.
nel racconto seguente, quello conclusivo, l'autore mostra scherzosamente che la paura può anche essere vinta. Quando infine si affrontano i rischi e le conseguenze ciò che appariva come la fine, come un pericolo mortale, si reincarna e riprende a pulsare riproponendosi come l'inizio di una nuova storia. Gyllesten ricorda che alberghiamo la diversità anche a livello individuale, ed è un bene. per questo anche nell'amore il punto di coesione più profondo può essere dettato non tanto dalla similitudine quanto dalla differenza. Quello che avvicina allora non è tanto l'esistenza di un ponte, quanto l'esser pronti a confrontarsi con l'abisso...


Grazie Paolo.
Om sai ram
stebau
Nessuno trova la strada per Puttaparthi, se non sono Io a chiamarlo.Sathya Sai Baba.

Ritirando la mente all'interno, puoi vivere dappertutto e sotto qualsiasi circostanza.
R.Maharshi

Paolo proietti
brahmana
brahmana
Messaggi: 5599
Iscritto il: 8 maggio 2005, 20:58
Località: Padova
Contatta:

Messaggioda Paolo proietti » 11 marzo 2013, 12:57

"La materia, la vita, il pensiero non sono che relazioni energetiche, ritmo, movimento e attrazione reciproca. Il principio che da origine ai mondi, alle varie forme dell'essere, può dunque essere concepito come un principio armonico e ritmico, simboleggiato dal ritmo dei tamburi, dai movimenti della danza. In quanto principio creatore, Shiva non profferisce il mondo, lo danza."

A. Daniélou, Shiva e Dioniso"



Immagine

Alcuni,pochi, in privato, mi hanno chiesto il motivo per cui, per ricordare la celebrazione della Grande Notte di SHIVA (la prima luna nera della Primavera) io abbia postato un brano sull'amore del mio amico/allievo/maestro Andrea P.
Invece di rispondere in privato a quei pochi ho deciso di rispondere in pubblico.
Shiva non profferisce il mondo, scrive Danielou, lo danza.
E il ritmo della danza è quello dell'Amore.

Immagine

Amore con la A maiuscola, il legame supremo che spezza i vincoli, i ridicoli lacciuoli che, da soli, ci stringiamo al collo per paura di rivelare chi siamo.
Paura di rivelarlo a noi stessi.

"L'essere umano deve quindi non solo essere ritratto e descritto, esso deve anche essere osannato, si, amato, perché l'amore è decisamente qualcosa di inesauribile che ci rivela il non finito,l'infinito.." diceva Andrea, e lo Yoga (qui mi rivolgo anche a Cannaminor/Namarupa/Marco che si è rifatto vivo per fare le solite domande retoriche sullo yoga che lo ascolto fare da 7 sette anni) è la scoperta del potere liberatorio e inesauribile dell'Amore.

Immagine

Shiva è il signore delle bestie.
Shiva è la danza selvaggia e tenera, insieme, della creazione.
Soprattutto Shiva è il Dio dell'Oltre.
Oltre i confini, oltre le leggi dell'uomo, oltre le capacità della mente raziocinante.

Immagine

Shiva ha anche un pessimo carattere.
Forse è per questo che leggendo, ancora!, le consuete domande sul perché si fa yoga mi è partito un embolo.

Assumere un Asana vuol dire essere uno con il Signore dello Yoga, con Shiva Nataraja.
Se non lo si è si fa ginnastica.



Mahashivaratri.
Immagine

Le celebrazioni religiose degli antichi, in origine, non sono MAI rappresentazione di miti e leggende.
Miti e leggende vengono dopo.
Sono riti di percezione e utilizzazione di energie naturali, forti, potenti come il canto divino che ha dato il via alla creazione.
Sono le energie della trasformazione continua e ineluttabile dell'Essere Umano.
Sono il Canto d'amore dell'universo per se stesso, il VERO SE' e cantando e danzando insieme a lui noi diveniamo UNO con l'Universo.

Immagine

Perché faccio Yoga? Perchè IO SONO SHIVA e voglio ricordarmelo
SHIVO'HAM SHIVO'HAM SHIVO'HAM

Perché dentro di me c'è un nucleo forte e vitale di AMORE allo stato puro.

Se si pratica yoga, veramente, non con le chiacchiere e le tutine lycrate, si penetra il nostro cuore e si porta alla luce quel Nucleo INDISTRUTTIBILE, riscoprendo che L'INCONCEPIBILE NON E' PER QUESTO MENO REALE.

Mahashivaratri.
Sedetevi con le chiappe sui tappetini, alzate gli occhi a ringraziare il cielo di avervi dato l'opportunità di esistere, pensare, parlare, amare.... e aspettate che l'energia della Creazione inizi a vibrare nelle vostre viscere, nelle ossa, nella carne e vi spinga a danzare.
Questo è lo Hatha Yoga.
SHIVO'HAM SHIVO'HAM SHIVO'HAM

Tutte le teorie filosofiche comode e ben confezionate, i lustrini delle analisi psicologiche e psicologizzanti della realtà, i meschini desideri di controllo altrui mascherati da terapie pseudopsicoscientifiche, se ne svaniranno come la nebbia al primo sole dell'alba.

La vita dell'uomo quanto può durare? 50? 100 anni? vogliamo perder tempo in chiacchiere e trasformare la morte in un oceano di rimpianti?

L'energia dell'Amore , che è l'energia dell'Universo è inconcepibile e inarrestabile.
Basta lasciarla fluire.
E' facile.
Eppure siamo ancora qui, imperterriti a cercare un sistema di interpretazione razionale, a tentare di giustificare con teoremi letti sui libri la paura di liberare l'inconcepibile, infinita, inarrestabile forza dell'AMORE.
E costruiamo barriere mentali, di continuo, e cerchiamo di convincere coloro, che più fortunati di noi, sanno far vibrare la loro corda interiore al ritmo dell'universo, a limitarsi, nascondersi, costruire barriere.
Non si sa mai, potrebbero risvegliare la Bestia dentro di Noi.
Ma quella Bestia è SHIVA, l'Amore Infinito.
Dove se ne andrebbero a finire i nostri piccoli io, il nostro attaccamento alle cose materiali, al "Bon Ton"? All'immagine che gli altri hanno di noi e che alimentiamo di continuo per PAURA.

Il contrario dell'Amore non è l'Odio.
E' La Paura.

"L'inconcepibile non è per questo meno reale".
Ed è BELLEZZA allo stato puro.
Ma chi è che vuole davvero vedere la Bellezza?
Dio Mio e se la Luce infinita mi rovinasse le unghie laccate?
E se il vento del DESIDERIO DIVINO, mi spettinasse i capelli?


Lo Yoga è la pratica di ESSERE SHIVA.
Lo Yoga è la Pratica di ESSERE UMA.
C'è scritto ovunque, ma ancora si fa finta di non saper leggere pur di giustificare le nostre titubanze, i nostri dubbi, le nostre paure e per dimenticare che L'ESSERE UMANO ....deve essere osannato, si, amato, perché l'amore è decisamente qualcosa di inesauribile che ci rivela il non finito,l'infinito.

Buon Mahashivaratri!
Paolo
Ultima modifica di Paolo proietti il 11 marzo 2013, 18:07, modificato 1 volta in totale.
Il Manzo non Esiste

Avatar utente
gb
brahmana
brahmana
Messaggi: 4293
Iscritto il: 26 aprile 2005, 17:49

Messaggioda gb » 11 marzo 2013, 14:46

"IO AMO TUTTI!"

esclama Colei che ti chiamo' Paolo Marietti, con un Sorriso che scuote le viscere

Piango adesso fermo in macchina sotto la pioggia, lacrime fuori e dentro

"Non preoccupatevi se piove" disse Colui che dette il nome a N, "e' Dio che lava la terra!", poco prima che spuntasse l'arcobaleno, tre mesi prima che Occhi senza Tempo guardassero il Creato, ancora umidi di liquido amniotico.

E non si puo' che rendere grazie a Chi mi ha fatto nascere tre volte, e solo per quel Sorriso e quegli Occhi ringrazio di esser potuto nascere, e anche solo per quel Sorriso e quegli Occhi e' valso la pena esistere.

Grazie
Ultima modifica di gb il 11 marzo 2013, 15:35, modificato 1 volta in totale.
“Negli alberi, nel vento, nell’acqua perenne,
nella terra, nella luce, nella roccia inflessibile”
Giovanni Vannucci

Avatar utente
Toki
ksatriya
ksatriya
Messaggi: 462
Iscritto il: 2 giugno 2012, 10:33

Messaggioda Toki » 11 marzo 2013, 15:26

शिवोऽहम्

शिवॊऽहम्

शिवॊऽहम्



Né mente, né intelletto, né ego, né pensiero,
né orecchie, né lingua, né naso, né occhi,
né etere, né terra, né fuoco, né vento,
eterna beatitudine e consapevolezza, io sono.
Io sono Shiva. Io sono Shiva.

Né l’energia della vita, né i cinque soffi vitali,
né i sette elementi del corpo, né i cinque involucri del corpo,
né organi di purificazioni, né parola, né mani, né piedi,
eterna beatitudine e consapevolezza, io sono.
Io sono Shiva. Io sono Shiva.

Né disgusto, né simpatia, né attaccamenti, né avidità,
nessun orgoglio né gelosia,
né doveri, né ricchezze, né desideri, né liberazione,
eterna beatitudine e consapevolezza, io sono.
Io sono Shiva. Io sono Shiva.

Né virtù, né vizio, né piacere, né dolore,
luogo sacro, mantra, Veda, Né Havan,
non chi mangia, né cibo, né il piacere di mangiare,
eterna beatitudine e consapevolezza, io sono.
Io sono Shiva. Io sono Shiva.

Né paura della morte, né distinzione di casta,
né madre, né padre, né nascita, ho io,
né discepolo, né guru, né fratello, né amico,
eterna beatitudine e consapevolezza, io sono.
Io sono Shiva. Io sono Shiva.

Io sono senza dubbi, esisto senza forma,
onnipervadente sono io, do vita ai sensi,
eterna beatitudine e consapevolezza, io sono.
Io sono Shiva. Io sono Shiva.
Lo Yoga è l'arte di comprendere i paradossi.

Avatar utente
jasmin
moderatore
Messaggi: 1390
Iscritto il: 25 aprile 2010, 15:19
Località: Catania

Messaggioda jasmin » 11 marzo 2013, 16:09

Om gate gate paragate parasamgate bodhi svaha

Paolo proietti
brahmana
brahmana
Messaggi: 5599
Iscritto il: 8 maggio 2005, 20:58
Località: Padova
Contatta:

Messaggioda Paolo proietti » 11 marzo 2013, 18:42

jasmin ha scritto:Om gate gate paragate parasamgate bodhi svaha


Traduzione ryunokokyuesca:
Via, via, via oltre [i confini], via completamente oltre [i confini], Il Risveglio, qui ed ora!
Il Manzo non Esiste

Avatar utente
stebau
brahmana
brahmana
Messaggi: 538
Iscritto il: 30 luglio 2010, 10:56
Località: PESCARA

Messaggioda stebau » 11 marzo 2013, 22:09

Paolo proietti ha scritto:"La materia, la vita, il pensiero non sono che relazioni energetiche, ritmo, movimento e attrazione reciproca. Il principio che da origine ai mondi, alle varie forme dell'essere, può dunque essere concepito come un principio armonico e ritmico, simboleggiato dal ritmo dei tamburi, dai movimenti della danza. In quanto principio creatore, Shiva non profferisce il mondo, lo danza."

A. Daniélou, Shiva e Dioniso"



Immagine

Alcuni,pochi, in privato, mi hanno chiesto il motivo per cui, per ricordare la celebrazione della Grande Notte di SHIVA (la prima luna nera della Primavera) io abbia postato un brano sull'amore del mio amico/allievo/maestro Andrea P.
Invece di rispondere in privato a quei pochi ho deciso di rispondere in pubblico.
Shiva non profferisce il mondo, scrive Danielou, lo danza.
E il ritmo della danza è quello dell'Amore.

Immagine

Amore con la A maiuscola, il legame supremo che spezza i vincoli, i ridicoli lacciuoli che, da soli, ci stringiamo al collo per paura di rivelare chi siamo.
Paura di rivelarlo a noi stessi.

"L'essere umano deve quindi non solo essere ritratto e descritto, esso deve anche essere osannato, si, amato, perché l'amore è decisamente qualcosa di inesauribile che ci rivela il non finito,l'infinito.." diceva Andrea, e lo Yoga (qui mi rivolgo anche a Cannaminor/Namarupa/Marco che si è rifatto vivo per fare le solite domande retoriche sullo yoga che lo ascolto fare da 7 sette anni) è la scoperta del potere liberatorio e inesauribile dell'Amore.

Immagine

Shiva è il signore delle bestie.
Shiva è la danza selvaggia e tenera, insieme, della creazione.
Soprattutto Shiva è il Dio dell'Oltre.
Oltre i confini, oltre le leggi dell'uomo, oltre le capacità della mente raziocinante.

Immagine

Shiva ha anche un pessimo carattere.
Forse è per questo che leggendo, ancora!, le consuete domande sul perché si fa yoga mi è partito un embolo.

Assumere un Asana vuol dire essere uno con il Signore dello Yoga, con Shiva Nataraja.
Se non lo si è si fa ginnastica.



Mahashivaratri.
Immagine

Le celebrazioni religiose degli antichi, in origine, non sono MAI rappresentazione di miti e leggende.
Miti e leggende vengono dopo.
Sono riti di percezione e utilizzazione di energie naturali, forti, potenti come il canto divino che ha dato il via alla creazione.
Sono le energie della trasformazione continua e ineluttabile dell'Essere Umano.
Sono il Canto d'amore dell'universo per se stesso, il VERO SE' e cantando e danzando insieme a lui noi diveniamo UNO con l'Universo.

Immagine

Perché faccio Yoga? Perchè IO SONO SHIVA e voglio ricordarmelo
SHIVO'HAM SHIVO'HAM SHIVO'HAM

Perché dentro di me c'è un nucleo forte e vitale di AMORE allo stato puro.

Se si pratica yoga, veramente, non con le chiacchiere e le tutine lycrate, si penetra il nostro cuore e si porta alla luce quel Nucleo INDISTRUTTIBILE, riscoprendo che L'INCONCEPIBILE NON E' PER QUESTO MENO REALE.

Mahashivaratri.
Sedetevi con le chiappe sui tappetini, alzate gli occhi a ringraziare il cielo di avervi dato l'opportunità di esistere, pensare, parlare, amare.... e aspettate che l'energia della Creazione inizi a vibrare nelle vostre viscere, nelle ossa, nella carne e vi spinga a danzare.
Questo è lo Hatha Yoga.
SHIVO'HAM SHIVO'HAM SHIVO'HAM

Tutte le teorie filosofiche comode e ben confezionate, i lustrini delle analisi psicologiche e psicologizzanti della realtà, i meschini desideri di controllo altrui mascherati da terapie pseudopsicoscientifiche, se ne svaniranno come la nebbia al primo sole dell'alba.

La vita dell'uomo quanto può durare? 50? 100 anni? vogliamo perder tempo in chiacchiere e trasformare la morte in un oceano di rimpianti?

L'energia dell'Amore , che è l'energia dell'Universo è inconcepibile e inarrestabile.
Basta lasciarla fluire.
E' facile.
Eppure siamo ancora qui, imperterriti a cercare un sistema di interpretazione razionale, a tentare di giustificare con teoremi letti sui libri la paura di liberare l'inconcepibile, infinita, inarrestabile forza dell'AMORE.
E costruiamo barriere mentali, di continuo, e cerchiamo di convincere coloro, che più fortunati di noi, sanno far vibrare la loro corda interiore al ritmo dell'universo, a limitarsi, nascondersi, costruire barriere.
Non si sa mai, potrebbero risvegliare la Bestia dentro di Noi.
Ma quella Bestia è SHIVA, l'Amore Infinito.
Dove se ne andrebbero a finire i nostri piccoli io, il nostro attaccamento alle cose materiali, al "Bon Ton"? All'immagine che gli altri hanno di noi e che alimentiamo di continuo per PAURA.

Il contrario dell'Amore non è l'Odio.
E' La Paura.

"L'inconcepibile non è per questo meno reale".
Ed è BELLEZZA allo stato puro.
Ma chi è che vuole davvero vedere la Bellezza?
Dio Mio e se la Luce infinita mi rovinasse le unghie laccate?
E se il vento del DESIDERIO DIVINO, mi spettinasse i capelli?


Lo Yoga è la pratica di ESSERE SHIVA.
Lo Yoga è la Pratica di ESSERE UMA.
C'è scritto ovunque, ma ancora si fa finta di non saper leggere pur di giustificare le nostre titubanze, i nostri dubbi, le nostre paure e per dimenticare che L'ESSERE UMANO ....deve essere osannato, si, amato, perché l'amore è decisamente qualcosa di inesauribile che ci rivela il non finito,l'infinito.

Buon Mahashivaratri!
Paolo


Raggiunte profondità oceaniche..
Essere in Tandava.
Bacio Pablo.
Om Sai ram
ste
Nessuno trova la strada per Puttaparthi, se non sono Io a chiamarlo.Sathya Sai Baba.



Ritirando la mente all'interno, puoi vivere dappertutto e sotto qualsiasi circostanza.

R.Maharshi


Torna a “Testi, video, musiche spirituali”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite

cron