Svatmarama - Hathapradipika

recensioni, richieste e discussioni su libri, video, musiche, riviste spirituali
Avatar utente
adriana
vaisya
vaisya
Messaggi: 154
Iscritto il: 8 agosto 2005, 14:27
Località: buenos aires

Messaggioda adriana » 9 ottobre 2006, 21:29

SI , sono argentina .Sono nel forum perche lo scoperto per caso , su internet ed esso lega due miei grandi amori lo yoga e l´Italia.Nella mia storia personale Italia e molto importante , i miei genitori sono italiani -piu precisamente napoletani-Quando avevo l´eta di 12 anni sono andata insieme a loro che tornavano al suo paese dopo 30 anni , ed io ho dovuto attraversare un intervento chirurgico alla schiena piu precisamente sono stata operata di escoliosi , a Pisa , nel centro di Bologna .Questo a salvato la mia vita .!!Adesso capisco che lo YOGA parla in un modo centrale su la colonna vertebrale e gli dá molta importanza !!(la kundalini , i chacra) Quel intervento ha avuto una forte influenza nella mia personalita perche ho sentito una chaimata spirituale molto forto.Tanti anni dopo , inizio la pratica dello yoga e trovo questo forum :un´altra volta insieme la crescita spirituale ed Italia(ti sembra paradossale??) per me piu che casuale e causale Che ne dici??Poi voi siete sempre con la parola giusta quando mi manca Un abraccio forte forte Adriana
l' odio non finisce con odio.solo si ferma con l'amore.buda

Paolo proietti
brahmana
brahmana
Messaggi: 5599
Iscritto il: 8 maggio 2005, 20:58
Località: Padova
Contatta:

Messaggioda Paolo proietti » 9 ottobre 2006, 22:07

adriana ha scritto:SI , sono argentina .Sono nel forum perche lo scoperto per caso , su internet ed esso lega due miei grandi amori lo yoga e l´Italia.Nella mia storia personale Italia e molto importante , i miei genitori sono italiani -piu precisamente napoletani-Quando avevo l´eta di 12 anni sono andata insieme a loro che tornavano al suo paese dopo 30 anni , ed io ho dovuto attraversare un intervento chirurgico alla schiena piu precisamente sono stata operata di escoliosi , a Pisa , nel centro di Bologna .Questo a salvato la mia vita .!!Adesso capisco che lo YOGA parla in un modo centrale su la colonna vertebrale e gli dá molta importanza !!(la kundalini , i chacra) Quel intervento ha avuto una forte influenza nella mia personalita perche ho sentito una chaimata spirituale molto forto.Tanti anni dopo , inizio la pratica dello yoga e trovo questo forum :un´altra volta insieme la crescita spirituale ed Italia(ti sembra paradossale??) per me piu che casuale e causale Che ne dici??Poi voi siete sempre con la parola giusta quando mi manca Un abraccio forte forte Adriana

non mi sembra paradossale per niente.
Io sono nato a Livorno e ho studiato a Pisa.
Forse non c'entra niente con la tua storia : mi sono rotto una gamba nell'82 a Roma.
mi hanno ingessato il piede nel senso sbagliato.
sono tornato a livorno e dopo quattro mesi mi hanno dovuto, non sembra vero ma purtroppo lo è, rispezzare la gamba.
un medico mi ha pure detto che non sarei più tornato a camminare come prima.
naturalmente ho deciso di mandare al diavolo i medici e di curarmi da solo con lo Yoga e ho pensato che il fatto che mi ero rotto la gamba a Roma era in qualche maniera una specie di invito a venirci a vivere....
Un bacio.
Il Manzo non Esiste

Avatar utente
adriana
vaisya
vaisya
Messaggi: 154
Iscritto il: 8 agosto 2005, 14:27
Località: buenos aires

Messaggioda adriana » 9 ottobre 2006, 22:31

Credo che centra molto con la mia storia .Sai perché? Ad entrmbi ci é venuto un invito via una "spaccatura" osea .E queste due spaccature centrano sempre allo Yoga , ci portano ci avvicinano ad esso.Un invito fisico allo spirito.Sai??la cosa che di piu mi ha colpito dello Yoga é come il corpo ci conduce all´anima come una specie di autovia .Io sempre ho penzato che erano divisi , quasi enemici-per esempio avvolte si vede cosi nella filosofia cristiana- ma adesso scopro che non lo ´e Un´altra cosa che abbiamo in comune é se permetti che lo yoga ci dá una forza che fisicamente non abbiamo Per esempio come si spiega che io faccia le torsioni (quando ho due stecche nella colonna) e che te faccia le possizioni che fai -sicuramente- sei molto bravo , da quello che si legge nei tuoi consigli: eppur con la gamba rotta??Qua si vede il contrario come l´anima comanda il copro e lo fá andare piú lontano da quanto piú-Un´altro punto che centra della tua storia e la mia :PISA ma qui la conessione ancor non la trovo , e tu ??
l' odio non finisce con odio.solo si ferma con l'amore.buda

Paolo proietti
brahmana
brahmana
Messaggi: 5599
Iscritto il: 8 maggio 2005, 20:58
Località: Padova
Contatta:

Messaggioda Paolo proietti » 9 ottobre 2006, 22:51

chissà: in che anni sei stata a Pisa?
Il Manzo non Esiste

Avatar utente
adriana
vaisya
vaisya
Messaggi: 154
Iscritto il: 8 agosto 2005, 14:27
Località: buenos aires

Messaggioda adriana » 9 ottobre 2006, 22:58

1978-1979
l' odio non finisce con odio.solo si ferma con l'amore.buda

HathaJo
vaisya
vaisya
Messaggi: 69
Iscritto il: 4 maggio 2005, 15:36

Messaggioda HathaJo » 9 ottobre 2006, 23:01

Scusate ragazzi (Adri e Paolo), non vorrei rompere l'idillio... mi intrometto per chiedere a Paolo:
è sicuramente vero quanto scrivi sull'ascesi e l'eremitaggio (hai di certo più esperienza di me e penso più di tutti gli iscritti al forum) e io non mi sento di sostenere la mia opinione contro la tua; ma, trattandosi di una sezione dedicata al commento dello Hathapradipika, sarebbe bello ed elegante se tu riuscissi a far quadrare la tua interpretazione (sicuramente esatta) con la lettera del testo; ovvero, dove Swatmarama scrive 'abbandono della gente' et simila, come si deve intendere, secondo te?

Paolo proietti
brahmana
brahmana
Messaggi: 5599
Iscritto il: 8 maggio 2005, 20:58
Località: Padova
Contatta:

Messaggioda Paolo proietti » 10 ottobre 2006, 12:15

HathaJo ha scritto:Scusate ragazzi (Adri e Paolo), non vorrei rompere l'idillio... mi intrometto per chiedere a Paolo:
è sicuramente vero quanto scrivi sull'ascesi e l'eremitaggio (hai di certo più esperienza di me e penso più di tutti gli iscritti al forum) e io non mi sento di sostenere la mia opinione contro la tua; ma, trattandosi di una sezione dedicata al commento dello Hathapradipika, sarebbe bello ed elegante se tu riuscissi a far quadrare la tua interpretazione (sicuramente esatta) con la lettera del testo; ovvero, dove Swatmarama scrive 'abbandono della gente' et simila, come si deve intendere, secondo te?

Scusa hatha jo.
hai ragione.
In realtà ti avevo già risposto raccontandoti alcune mie esperienze personali,ma poi ho cancellato il post per una specie di pudore e per paura di generare confusione. te lo riscrivo più o meno come era:
secondo me "Abbandono della gente" et similia significa senza ombra di dubbio eremitaggio.
per comprenderne il significato alla fine degli anni '70, non avendo soldi per andare sull'Himalaya, ho passato vari periodi(da un minimo di tre giorni ad un massimo di 20) in stagione non "turistica" in alcune Isole del mediterraneo (Soprattutto Capraia, ma anche Linosa e altre isole siciliane) vivendo in grotte o all'aperto(una sola volta in tenda) cibandomi di quello che trovavo.
alcune volte da solo, altre in compagnia di altri fuori di testa come me.
sono state esperienze importanti da vari punti di vista.
Una volta mi sono trovato in compagnia di un orange, un,adepta di Sai Baba, due ragazzi che avevano abbracciato la fede (si può chiamare così?)degli hare krisna e mi ricordo come molto stimolanti gli scambi di tecniche di meditazione,le discussioni sui mantra e sulla respirazione e la sensazione di essere "altrove".
ma più importante , credo, è stato il mio modo di affrontare la solitudine, il silenzio della natura (che non è mai silenzio), il digiuno, la paura, l'aggressività.
A volte dopo aver meditato per un giorno e mangiato molto poco, il rumore di un topolino che rovistava vicino a me mi terrorizzava.
una volta sono stato colto da una fame nera, irresistibile e , nonostante fossi all'epoca vegetariano spinto ,ho catturato e messo in pentola un povero polpo, assolutamente senza rimorsi.
chiaramente non ti parlo delle esperienze più interiori,ma volevo dirti che quei brevi periodi ( di una durata ridicola rispetto ai veri eremitaggi, tanto da sembrarne la caricatura) mi hanno cambiato assai.
istintivamente, anzi automaticamente :wink: , mi viene da pensare che un praticante di Yoga e ancor più un insegnante, dovrebbe provare cosa significa eremitaggio, dovrebbe fare i conti con le notti in solitudine e con le giornate passate ad osservare la natura, ma ragionandoci credo che si tratti invece di una cosa che va bene per me, che ci ho la fissa di Milarepa, e non è detto che vada bene per tutti.
Uno può imparare a conoscersi e a fare i conti con se stesso anche in un albergo di New york , dipende dalla sua"natura".

Una cosa però voglio raccontartela: una volta , a marzo,in Capraia vicino ad una torre "Saracena" che si chiama Zenobito", ho passato giorni e giorni ad osservare i Piccoli gabbiani che imparavano a giocare con le correnti ascensionali, sotto lo sguardo degli adulti.
io mi sedevo a fiore di loto trai Gabbianoni (credo che quella specie si chiami gabbiano imperiale: sono quelli con una apertura alare di quasi due metri) e osservavo.
Ad un certo punto mi è sembrato di capire che i gabbianini seguivano delle rotte geometriche, in altre parole sembrava che si esercitassero volando una volta in cerchio, una volta seguendo le linee di un quadrato immaginario e così via.
probabilmente era immaginazione, ma le sera, durante un esercizio di meditazione, sono proprio partito di testa ed ho avuto la percezione nettissima del mare sotto di me, dell'aria in faccia, del volo insomma.
vedevo l'isola sotto di me, e il fuoco e paolo che meditava ma lo vedevo in maniera strana,mescolato agli "strati d'aria ".
sicuramente era immaginazione anzi una specie di allucinazione provocata anche dal semidigiuno, ma se ti dovessi dire la verità penso che un gabbiano veda come ho immaginato di vedere io quella notte.
Il Manzo non Esiste

Avatar utente
ManRay
brahmana
brahmana
Messaggi: 507
Iscritto il: 31 agosto 2005, 0:45

Messaggioda ManRay » 10 ottobre 2006, 14:59

Porca miseria, cari Adriana e Paolo vi vorrei far notare che esattamente all' ora in cui voi stavate postando le vostre esperienze su ossa rotte e possibili "segni" nascosti in esse, io ero a parlare con il mio maestro di Yoga, dopo la lezione, dello stesso argomento. Mi raccontava di una sua allieva che si era rotta il coccige cadendo dal motorino e che secondo lui quello era un segno inequivocabile che le avrebbe dato indicazioni importanti sulla sua vita. O_O

Avatar utente
fabio
moderatore
Messaggi: 3074
Iscritto il: 24 marzo 2006, 11:35

Messaggioda fabio » 10 ottobre 2006, 15:25

vabbè ho capito, vado a scaraventarmi contro qualcosa... dato che non mi sono mai rotto nulla non vorrei precludermi qualche possibilità!

(naturalmente è una battuta), scusate
IL GRANDE CONTROLLORE

HathaJo
vaisya
vaisya
Messaggi: 69
Iscritto il: 4 maggio 2005, 15:36

Messaggioda HathaJo » 10 ottobre 2006, 16:29

Bellissimo il racconto di Paolo della sua esperienza personale!

Di questi ammestramenti dovrebbe nutrirsi il nostro forum, non di vuota e sterile teoria!

Avatar utente
adriana
vaisya
vaisya
Messaggi: 154
Iscritto il: 8 agosto 2005, 14:27
Località: buenos aires

Messaggioda adriana » 10 ottobre 2006, 21:35

JE JE Bella la battuta ,é incredibile come siamo in unione di penziero gli integranti del forum !!!A chi non si é rotto niente , non c´e´problema non ha bisogno di quello per fortuna!!!
VEramente edificante le sperienze di Paolo !! Ci lascia senza respiro!!
Vorrei sapere:quali sono questi significati nella vita piu profondi per chi si rompe le ossa??cosa ha detto il tuo insegnante??
l' odio non finisce con odio.solo si ferma con l'amore.buda

Avatar utente
ManRay
brahmana
brahmana
Messaggi: 507
Iscritto il: 31 agosto 2005, 0:45

Messaggioda ManRay » 10 ottobre 2006, 21:47

Non ha detto nulla in particolare riguardo le ossa, parlava di fatti in generale che ci accadono nella vita e che bisogna interpretarli

Avatar utente
adriana
vaisya
vaisya
Messaggi: 154
Iscritto il: 8 agosto 2005, 14:27
Località: buenos aires

Messaggioda adriana » 10 ottobre 2006, 21:51

SCUSA MANRAY della mia insistenza mi puoi raccntare di piu , quali eventi che accadono, come si debbono interpretare ? Grazie !
l' odio non finisce con odio.solo si ferma con l'amore.buda

Avatar utente
ManRay
brahmana
brahmana
Messaggi: 507
Iscritto il: 31 agosto 2005, 0:45

Messaggioda ManRay » 10 ottobre 2006, 22:02

Ma niente, parlava molto in generale, e mi ha citato il fatto di questa ragazza che sie rotta l' osso sacro il giorno in cui ha conosciuto l' uomo con cui si sarebbe sposata e poco tempo dopo separata perchè non era la persona giusta.

Avatar utente
ManRay
brahmana
brahmana
Messaggi: 507
Iscritto il: 31 agosto 2005, 0:45

Messaggioda ManRay » 10 ottobre 2006, 22:03

AL di là delle ossa rotte la coincidenza strana è che contemporaneamente stavamo parlando dello stesso argomento in luoghi diversi.


Torna a “Testi, video, musiche spirituali”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti

cron