UG Krisnamurti

yogin, filosofi e personaggi del mondo della spiritualità
AT
brahmana
brahmana
Messaggi: 2512
Iscritto il: 28 marzo 2005, 19:38

Messaggioda AT » 22 aprile 2007, 22:23

tra l'altro nel capitolo da te citato si parla soprattutto della fisiologia occulta dei tre cervelli intesi come chakra superiori e dell'organo Kundabuffer 8facile indovinare di che si tratta, non credi?) .



I tre cervelli sono: 1.Il cervello motorio e della sensazione; 2.Il cervello emozionale; 3.Il cervello del pensiero e dell'intelletto. L'uomo è un essere tricentrico, perché possiede tutti e tre questi cervelli, mentre alcuni animali sono bicentrici, perché possiedono solo il primo e il secondo cervello. Ecco perché l'uomo è un microcosmo ed è immagine di Dio, mentre gli animali no. L'organo kundabuffer è una delle strane fantasie di Gurdjieff: in un tempo lontano l'umanità si stava evolvendo troppo velocemente. Allora forze superiori decisero di dotare l'uomo di un organo, detto kundabuffer, che facesse sì che l'umanità trasformasse le energie solo in modo meccanico. Poi l'emergenza finì e l'organo fu tolto, ma nel frattempo si erano cristallizzate le conseguenze della presenza dell'organo, e la meccanicità rimase. E' una spiegazione del fatto che l'uomo oggi è prevalentemente meccanico.

AT
brahmana
brahmana
Messaggi: 2512
Iscritto il: 28 marzo 2005, 19:38

Messaggioda AT » 22 aprile 2007, 22:33

Bennett è stato un seguace di Gurdjieff, ma è importante anche come autore di per sé, come elaboratore di una scuola e di un sistema.

Avatar utente
onofrio
brahmana
brahmana
Messaggi: 1329
Iscritto il: 11 giugno 2006, 11:04
Località: varese

Messaggioda onofrio » 22 aprile 2007, 22:34

Così egli dall’interno del corpo dimora, osservando il corpo, dall’esterno del corpo dimora, osservando il corpo dall’interno e dall’esterno del corpo dimora, osservando il corpo.

ciò che si vuole che sia...si trasformerà..
diventerà ciò che è

sia lode.
I MINUTI
sono più importanti degl'anni..

AT
brahmana
brahmana
Messaggi: 2512
Iscritto il: 28 marzo 2005, 19:38

Messaggioda AT » 22 aprile 2007, 22:45

In questo post, io non criticavo l'advaita Vedanta, ma tre autori contemporanei:
1.Alan Watts.
2.Jiddu Krishnamurti.
3.U.G. Krishnamurti.
La citazione di Gurdjieff era rivolta in particolare contro U.G.: non è vero, dicevo, che non c'è niente da guadagnare in futuro, che l'essere umano nello schema universale non vale più di una zanzara: e citavo Gurdjieff perché parla dell'uomo come immagine di Dio, come microcosmo, e lo differenzia dagli animali per questo.
Tra l'altro, identificare questa fantomatica Tradizione con l'advaita Vedanta è discutibilissimo. Quando si parla di Tradizione con la T maiuscola, ogni autore ha le proprie fissazioni. L'advaita Vedanta di Shankara è solo una scuola tra tante.

Paolo proietti
brahmana
brahmana
Messaggi: 5644
Iscritto il: 8 maggio 2005, 20:58
Località: Padova
Contatta:

Messaggioda Paolo proietti » 22 aprile 2007, 22:55

AT ha scritto:tra l'altro nel capitolo da te citato si parla soprattutto della fisiologia occulta dei tre cervelli intesi come chakra superiori e dell'organo Kundabuffer 8facile indovinare di che si tratta, non credi?) .



I tre cervelli sono: 1.Il cervello motorio e della sensazione; 2.Il cervello emozionale; 3.Il cervello del pensiero e dell'intelletto. L'uomo è un essere tricentrico, perché possiede tutti e tre questi cervelli, mentre alcuni animali sono bicentrici, perché possiedono solo il primo e il secondo cervello. Ecco perché l'uomo è un microcosmo ed è immagine di Dio, mentre gli animali no. L'organo kundabuffer è una delle strane fantasie di Gurdjieff: in un tempo lontano l'umanità si stava evolvendo troppo velocemente. Allora forze superiori decisero di dotare l'uomo di un organo, detto kundabuffer, che facesse sì che l'umanità trasformasse le energie solo in modo meccanico. Poi l'emergenza finì e l'organo fu tolto, ma nel frattempo si erano cristallizzate le conseguenze della presenza dell'organo, e la meccanicità rimase. E' una spiegazione del fatto che l'uomo oggi è prevalentemente meccanico.



ma lascia stare la teoria e pratica .
anzi no fai come ti pare.
il metodo di gurdjieff è un metodo pratico.
fai tanta teoria at.
troppa.
e cerchi solo ciò che conferma le tue idee preesistenti.
i tuoi pregiudizi.
per un attimo ho pensato di parlarti delle danze sacre, di dalcroxe e del simbolismo anatomico dei personaggi di incontri con uomini straordinari.
ma poi ho pensato che sarebbe stato un modo per far valere 20 anni di lavoro su gurdjieff ...ma poi ho pensato...chissenefrega.
sei contento così?
va bene.
sei soddisfatto nel dedicare il tuo tempo libero a parlar male di guenon e alan watts e a parlar bene di bennet senza aver mai conosciuto nè gli uni nè l'altro?
va bene.
sei contento nel lavorare sui muscoli e nel fare i pesi e nel trovare giustificazioni al fatto che non riesci neppure a stare in ginocchio?
va bene.
evidentemente sono cose di cui hai bisogno.
devo dire che non è che non la penso come te.
in questo momento non me ne frega assolutamente niente.
un pò di tempo fa pensavo: che peccato at con tutte le sue qualità che perde tempo per paura del vuoto, per paura di intaccare l'ego,quella che crede una identità inalienabile e non è che una bolla di sapone.
ma adesso ..ciò non ha più senso.
hai ragione sono proprio fuori.
MU.
Il Manzo non Esiste

malcolm
brahmana
brahmana
Messaggi: 1228
Iscritto il: 8 febbraio 2006, 9:27
Contatta:

Messaggioda malcolm » 22 aprile 2007, 23:13

La montagna è calma,
l'acqua scorre,
la luna è luminosa,
un fiore sboccia.
A mezzanotte un bel profumo riempie il mondo.
Un buon momento per bere il tè.

Avatar utente
onofrio
brahmana
brahmana
Messaggi: 1329
Iscritto il: 11 giugno 2006, 11:04
Località: varese

Messaggioda onofrio » 22 aprile 2007, 23:20

......... :wink: ... :D
I MINUTI

sono più importanti degl'anni..

malcolm
brahmana
brahmana
Messaggi: 1228
Iscritto il: 8 febbraio 2006, 9:27
Contatta:

Messaggioda malcolm » 22 aprile 2007, 23:28

HRDAYA - SUTRA



Mahaprajñaparamita-hrdaya-sutra.

Avalokitesvaro bodhisattvo

gambhiram prajñaparamitacaryam caramano vyavalokayati sma:

pañca skandhas tams ca svabhavasunyan pasyati sma.

“Iha, Sariputra,

rupan na prthak sunyata, sunyataya na prthag rupam,

rupam sunyata, sunyataiva rupam,

evam eva vedana-samjña-samskara-vijñanam.

Iha, Sariputra,

sarvadharmah sunyata-laksana:

anutpanna aniruddha, amala avimala, anuna aparipurnah.

Tasmac sunyatayam

na rupam na vedana na samjña na samskarah na vijñanam,

na caksuh-srotra-ghrana-jivha-kaya-manamsi,

na rupa-sabda-gandha-rasa-sprstavya-dharmah,

na caksur-dhatur yavan na manovijñana-dhatuh,

na avidya-na-avidya-ksayo yavan na jara-maranam na jara-marana-ksayo,

na duhkha-samudaya-nirodha-marga,

na jñanam, na praptir.

Apraptitvad bodhisattvasya

prajñaparamitam asritya viharaty-acittavaranah.

Cittavarana-nastitvad atrasto,

viparyasatikranto nistha-nirvana-praptah.

Tryadhva-vyasvasthitah sarvabuddhah prajñaparamitam asritya

anuttaram samyaksambodhim abhisambuddhah.

Tasmaj jñatavyam: prajñaparamita maha-mantro

maha-vidya-mantro ‘nuttara-mantro samasama-mantrah,

sarvaduhkha-prasamanah,

satyam amithyatvat.

Prajñaparamitayam ukto mantrah. Tadhyatha:

GATE GATE PARAGATE PARASAMGATE BODHI SVAHA.
GATE GATE PARAGATE PARASAMGATE BODHI SVAHA.
GATE GATE PARAGATE PARASAMGATE BODHI SVAHA.

(Iti prajñaparamita-hrdayam samaptam.)



Il Sutra del Cuore della Grande Saggezza che-va-oltre



Il Bodhisattva Avalokita,

immerso nella profonda Saggezza che-va-oltre,

vide la natura vuota dei cinque aggregati,

superando così ogni dolore.

- O Shariputra, la forma non è diversa dal vuoto,

il vuoto non è diverso dalla forma.

La forma è vuoto, il vuoto è forma.

Così anche per sensazioni, percezioni, tendenze e coscienza.

- O Shariputra, tutti i fenomeni sono per natura vuoti:

mai nati né estinti; mai impuri né puri;

mai crescenti né decrescenti.

Perciò, nel vuoto, non ci sono

forma, sensazione, percezione, tendenza, coscienza;

né occhio, orecchio, naso, lingua, corpo, mente;

né colore, suono, odore, sapore, contatto, idea.

Non c'è regno visivo, e così via fino alla coscienza mentale.

Non c'è ignoranza, né la sua fine e così via

fino alla vecchiaia e morte, né la loro fine.

Non c'è sofferenza, né causa, né estinzione, né Sentiero.

Non c'è conoscenza, né ottenimento.

Poiché nulla vi è da ottenere,

il bodhisattva saldo nella Saggezza che-va-oltre,

vive con la mente libera da ostacoli.

Senza ostacoli non ha timore,

abbandona per sempre le illusioni ed entra nel nirvana.

Vivendo nella Saggezza che-va-oltre, tutti i Buddha dei tre tempi

realizzano la suprema, perfetta illuminazione.

- Sappi, quindi, che la Saggezza che-va-oltre

è il sublime mantra, grande mantra luminoso,

mantra supremo, mantra incomparabile,

capace di dissolvere ogni sofferenza.

E' vero, senza errori.

Recita, perciò, il mantra della Saggezza che-va-oltre,

il mantra che dice:



GATE GATE PARAGATE PARASAMGATE BODHI SVAHA.
GATE GATE PARAGATE PARASAMGATE BODHI SVAHA.
GATE GATE PARAGATE PARASAMGATE BODHI SVAHA.

(Andato, andato, andato oltre, andato completamente oltre, il risveglio avvenga!)



La traduzione del Maestro Thich Nhat Hanh

Paolo proietti
brahmana
brahmana
Messaggi: 5644
Iscritto il: 8 maggio 2005, 20:58
Località: Padova
Contatta:

Messaggioda Paolo proietti » 23 aprile 2007, 10:35

bene .
scriverò di rudra e di at per parlare ad onofrio e malcolm.

questa discussione su UG Krisnamurti è devastante così come è devastante il pensiero di UG Krisnamurti.
AT e Rudra si sono comportati nella stessa maniera.
Concettualizzano e difendono.

lamberto, se fossi un maestro o se fossi l'autista cercherei , con la maieutica, di condurti a riflettere sugli errori di identificazione ed attaccamento che stai compiendo.

stai divulgando ma il tuo parlare riguarda essenzialmente il quarto.
si intuisce che non ti interessa altro.
stai recitando il ruolo del rappresentante del ramakrisna math in Italia e purtroppo ci credi.

non hai visto come ti sei messo a difendere la parola Grazia?

che importanza può avere?

stai difendendo le tue opinioni, non la tradizione.

insistendo sarei riuscito a far fiammeggiare la tua indignazione.
con te va tutto bene fin quando ti si rispetta come un grande istruttore rappresentante della tradizione e si pende dalle tue labbra.
e quindi sei amorevole, dotto e sapiente.
se uno ti contraddice o ti tratta come tratto R9 o R9 tratta me cominci a difenderti e ad offendere.

opinioni, concettualizzazioni.

poi se uno ti dice : "oh stai dicendo str.onzate" cominci a difendere il tuo ego per poi giustificarti dicendo che ti stavi facendo specchio del postulante.

ti sei immedesimato nel ruolo di chi sparge il verbo e quindi ti difendi.
fai attenzione. parli di non dualismo e poi.... :wink:
non è che credi davvero, dentro di te, di essere "Il Prescelto" o "Un grande maestro"?

At si comporta nella stessa maniera.
ma lui non difende la tradizione o il suo ruolo in una tradizione o in una chiesa.
Lui difende probabilmente la sua incolumità.
difende il suo ego, la propria "identità inalienabile".

E quindi difende a spada tratta un certo numero di autori o correnti filosofiche contro altri che inconsciamente avverte come minacce alla propria integrità.

per combattere con ciò che non gli va bene del criastanesimo cita gli islamici e sembra più sufi di IBN Arabi.

per combattere contro Guenon (islamico) sembra un adepto di Crowley e della controiniziazione contro cui lottava Guenon.

Attacca Ousspenskji (che è l'uomo che insieme ad Orage ha portato il pensiero di Gurdjieff nei paesi anglosassoni) e per farlo utilizza Gurdjieff e Bennett....


Un continuo combattimento..
Quanta benzina nel motore di questi piccoli guerrieri.

Piccoli fuochi e piccoli guerrieri.

per far scatenare Graziano zap invece basterebbe dire che Sai baba ogni tanto, per insegnare, usa tecniche di illusionismo.
cadrebbe giù il forum....

allora forse parlare di UG Krisnamurti è servito.
parlare del suo messaggio devastante può far riflettere sul nostro attaccamento.

attaccamento al ruolo e agli onori.
attaccamento all'io.
attaccamento al maestro.

non c'è maestro.
non c'è io.
non c'è onore mondano nel vuoto.

MU.

lo sapete , fabio e Onofrio e malcolm, il significato del mantra che i tibetani vi hanno insegnato?

lo sapete il significato di:
OM MUNI MUNI MAHA MUNI SHAKIAMUNIE SOHA?

MUNI in sanscrito colui che conosce il valore del silenzio.
la coscienza pura, non qualificata è Silenzio.
mauna è il valore del silenzio.

Munitva è l'attitudine al silenzio.

Il messaggio finale di UG Krisnamurti è questo.
C'è solo silenzio.
attenti alle chiese.
attenti ai maestri.
Ogami Itto uccide il Buddha ed il buddha sorride.
perchè è vacuità.
la vacuità è silenzio.

il rispetto per i maestri è inutile.
la polvere del tempio non va adorata.
anche se l'hanno calpestata i maestri va spazzata.
perchè è polvere.
solo polvere.

la grazia?
è solo una parola.
ha lo stesso valore di Amica e Confidenze.

i libri sono solo letteratura.
tutti.
inchiostro su carta.

UG krisnamurti è devastante.


un abbraccio.
p.
Il Manzo non Esiste

Rudra
ksatriya
ksatriya
Messaggi: 458
Iscritto il: 25 settembre 2006, 17:15

Messaggioda Rudra » 23 aprile 2007, 12:51

Paolo proietti ha scritto:bene .
scriverò di rudra e di at per parlare ad onofrio e malcolm.

questa discussione su UG Krisnamurti è devastante così come è devastante il pensiero di UG Krisnamurti.
AT e Rudra si sono comportati nella stessa maniera.
Concettualizzano e difendono.

:-)

lamberto, se fossi un maestro o se fossi l'autista cercherei , con la maieutica, di condurti a riflettere sugli errori di identificazione ed attaccamento che stai compiendo.
stai divulgando ma il tuo parlare riguarda essenzialmente il quarto.
si intuisce che non ti interessa altro.

e cosa significa ?
quante proiezioni caro Paolo, è dall'inizio del nostro incontro che continui a proiettare. I'm sorry



stai recitando il ruolo del rappresentante del ramakrisna math in Italia e purtroppo ci credi.

Lamberto non rappresenta nulla e nessuno, neanche se stesso. Chiedi a chi ti è caro....Lamberto ha rifiutato personalmente di rappresentare il Ramakrishna Math in Italia. Da sempre.


non hai visto come ti sei messo a difendere la parola Grazia?

L'ho fatto per te, che tu lo creda o no.
Me lo hai chiesto.
Il concetto di Grazia è molto importante, riguarda Dio.
Quindi l'ho fatto per AT per fargli vedere qual'è la "posizione" di un advaitin (Sri Charendra Sarasvati), così da rendersi conto che all'interno della prospettiva nonduale ci sono tante sfumatore, dalle più dolci alle più devastanti. Ognuno calibra il tiro in base alla sua posizione coscenziale.


che importanza può avere?

stai difendendo le tue opinioni, non la tradizione.

sto dialogando. Con tranquillità. Mi sembra tu veda in continuo lo scontro...quando scontro non c'è. Almeno da parte mia.


insistendo sarei riuscito a far fiammeggiare la tua indignazione.
con te va tutto bene fin quando ti si rispetta come un grande istruttore rappresentante della tradizione e si pende dalle tue labbra.
e quindi sei amorevole, dotto e sapiente.
se uno ti contraddice o ti tratta come tratto R9 o R9 tratta me cominci a difenderti e ad offendere.

chi ho offeso ?..e quando ?
mostramelo.
Forse ho urtato in qualche modo la tua suscettibilità ?..mi dispiace. Davvero.


opinioni, concettualizzazioni.

ognuno parla dalle sue realizzazioni se ci sono, ognuno riporta le sue opinioni se è queste che ci sono.

poi se uno ti dice : "oh stai dicendo str.onzate" cominci a difendere il tuo ego per poi giustificarti dicendo che ti stavi facendo specchio del postulante.

Ho cercato di esporre in termini chiari un concetto, quello della Grazia...semplicemente..perchè in questo periodo della mia vita..mi è molto caro. Non ho difeso nulla ho riportato solo me stesso.

ti sei immedesimato nel ruolo di chi sparge il verbo e quindi ti difendi.
fai attenzione. parli di non dualismo e poi.... :wink:
non è che credi davvero, dentro di te, di essere "Il Prescelto" o "Un grande maestro"?

Paolo stai prendendo una grande bufala...mi dispiace tu veda questo. Forse dovresti chiederti il perchè.
Forse un giorno ci conosceremo..sono concitno cadrà questa tua idea-proiezione.


Un continuo combattimento..
Quanta benzina nel motore di questi piccoli guerrieri.

Piccoli fuochi e piccoli guerrieri.

siamo tutti piccoli fuochi piccoli guerrieri..L'unico è Shiva.



Paolo e tu cosa stai difendendo ??
un sorriso
Ru



un abbraccio.
p.

AT
brahmana
brahmana
Messaggi: 2512
Iscritto il: 28 marzo 2005, 19:38

Messaggioda AT » 23 aprile 2007, 13:03

Riporto quanto avevo scritto in precedenza su Ouspensky e su Watts per chiarire una cosa. Io non ce l'ho con nessuno dei due, e tantomeno con Ouspensky. Avendo letto tanti anni fa entrambi, osservavo quelli che secondo me sono i loro difetti:


La mia opinione è che nella vita il momento dello sforzo,del controllo, e il momento del lasciar andare, della spontaneità siano complementari ed entrambi necessari, un po' come yang e yin. Alcuni autori, come Ouspensky, enfatizzano troppo il primo momento, altri, come Watts, troppo il secondo.
Su Alan Watts non fraintendete: Alan era un simpaticone, ed ha scritto libri divertenti e stimolanti. Tuttavia le sue idee sono, secondo me, ingenue e pericolose.


Capito, no: Ouspensky enfatizza eccessivamente il momento dello sforzo, crea una eccessiva diffidenza verso la spontaneità, e questo non funziona in molti. All'opposto Watts esalta ingenuamente la spontaneità, la idealizza quasi, e non riconosce nel giusto modo il valore dello sforzo.
Dicendo questo io non difendo niente: sono solo sincero nel dire quello che penso e in questo caso credo che possa anche avere una utilità generale, visto che sono osservazioni che corrispondono alla realtà dei due autori citati: basta leggerli per rendersene conto.
Ultima modifica di AT il 23 aprile 2007, 13:09, modificato 1 volta in totale.

AT
brahmana
brahmana
Messaggi: 2512
Iscritto il: 28 marzo 2005, 19:38

Messaggioda AT » 23 aprile 2007, 13:06

sei contento nel lavorare sui muscoli e nel fare i pesi e nel trovare giustificazioni al fatto che non riesci neppure a stare in ginocchio?


Oh, ma sei proprio fissato con i pesi! Ci sto in ginocchio, ci sto e anche bene. Basta non mettere i polpacci all'esterno e il sedere in terra, posizione che molti ritengono inadeguata.

Avatar utente
pushan
brahmana
brahmana
Messaggi: 1727
Iscritto il: 15 gennaio 2007, 11:57

Messaggioda pushan » 23 aprile 2007, 14:06

Rudra ha scritto: credo sia una constatazione dei fatti.
Più o meno obbiettiva...più o meno reale.
Permettimi di "accettare" la commercializzazione sui corsi in miracoli, e in aperture di chakra a distanza...ma su quello che c'è di più Sacro...non è carino.


"credo sia una constatazione dei fatti" riflette, dal mio punto di vista, una giustificazione, un implicito rifiuto di un semplice giudizio che è uscito dalla nostra bocca/penna...
perchè?
si giudica continuamente, finchè si è in cammino, finchè si è nel duale.
Il più Sacro per te potrebbe non essere il più Sacro per me....o c'è un unico Sacro, oltre che un Unico? (Tat)

Rudra ha scritto: non è questo il caso. Chi conosce e chi conosce di non conoscere...non cerca nessuna conferma. La conferma è un muto riconoscimento, nella fratellanza e nell'identità. Ma che non ha scopo, ne scelta.


le parole non erano rivolte a te/persona.
Perchè senti l'impulso di chiarire e di spiegarmi?
:roll:


ciao, pushan

Avatar utente
fabio
moderatore
Messaggi: 3075
Iscritto il: 24 marzo 2006, 11:35

Messaggioda fabio » 23 aprile 2007, 14:23

per quel che è la mia percezione, e non capisco perchè, alcuni di noi proiettano su rudra un qualche cosa. io non vedo mai nelle sue parole qualche dimostrazione di "forza", o il fatto di riconoscersi come maestro di qualcuno.

normale che se poi ne sa più di me gentilmente chiedo e mi risponde.

sento a dire la verità uno spirito di sincera condivisione e pacatezza da parte sua. rudra non urla mai.

ma è la mia percezione.
IL GRANDE CONTROLLORE

Rudra
ksatriya
ksatriya
Messaggi: 458
Iscritto il: 25 settembre 2006, 17:15

Messaggioda Rudra » 23 aprile 2007, 14:38

pushan ha scritto:
Rudra ha scritto: credo sia una constatazione dei fatti.
Più o meno obbiettiva...più o meno reale.
Permettimi di "accettare" la commercializzazione sui corsi in miracoli, e in aperture di chakra a distanza...ma su quello che c'è di più Sacro...non è carino.


"credo sia una constatazione dei fatti" riflette, dal mio punto di vista, una giustificazione, un implicito rifiuto di un semplice giudizio che è uscito dalla nostra bocca/penna...
perchè?
si giudica continuamente, finchè si è in cammino, finchè si è nel duale.

vero.
Da un punto di vista ogni cosa è al suo giusto posto..e quindi non c'è contrapposizione, da un altro, quello duale ognuno è chiamto ad esprimere quello che è che sente.
Nessuno può esimersi dall'essere ciò che è.


Il più Sacro per te potrebbe non essere il più Sacro per me....o c'è un unico Sacro, oltre che un Unico? (Tat)

Vero, per me potrebbe essere il dio cocomero, per te il dio di argilla..poco cambia.
Ma mi piace un vecchio detto Buddista..."Non è grazie al silenzio (mona) che un uomo è saggio (muni), se consfuso od ignorante. E' saggio chi, tenendo la bilancia, sceglie il bene ed evita il male.
Dh.
Comunque sia prendilo come una mia mancanza...se vuoi per eccesso di zelo nei confronti di...o della...

.


Rudra ha scritto: non è questo il caso. Chi conosce e chi conosce di non conoscere...non cerca nessuna conferma. La conferma è un muto riconoscimento, nella fratellanza e nell'identità. Ma che non ha scopo, ne scelta.


le parole non erano rivolte a te/persona.
Perchè senti l'impulso di chiarire e di spiegarmi?
:roll:

Infatti ..non parlavo di me...credi che un asino come il sottoscritto possa pensare di essere stato riconoscito da qualcosa o chicchessia !!
Sarebbe assurdo.

Comunque sia..dal momento che ci stiamo ritrovando qui "attorno" a scrivere..questo scrivere, nel bene o nel male e mosso per tutti da un impulso. Perchè rifiutarlo ?

shanti
Ru


ciao, pushan


Torna a “Insegnamenti di maestri e filosofi”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite