Neve

società, ambiente, famiglia, autoanalisi, effetti dello Yoga
Avatar utente
padmasana2000
ksatriya
ksatriya
Messaggi: 353
Iscritto il: 10 febbraio 2006, 17:17
Località: arona

Neve

Messaggioda padmasana2000 » 29 novembre 2019, 11:27

Sto trascorrendo qualche giorno di ferie in una località di montagna. Questa mattina sono uscito sulla balconata della baita e, complice lo splendido sole, ho deciso che avrei praticato all’aperto. È stato meraviglioso.. il silenzio della zona isolata, il fresco dell’aria ed il calore del sole sulla pelle .. indescrivibile. Con un po’ di incoscienza sono uscito sulla neve e mi sono seduto in padmasana. So che mi attende un raffreddore, ma ne è valsa la pena. Mulabandha e simili acquistano moltissimo in simili condizioni.
Un caro saluto,
Luca
Привет!!

Avatar utente
jasmin
moderatore
Messaggi: 1394
Iscritto il: 25 aprile 2010, 15:19
Località: Catania

Re: Neve

Messaggioda jasmin » 29 novembre 2019, 19:55

no, nessun raffreddore, starai bene e basta :)

Avatar utente
padmasana2000
ksatriya
ksatriya
Messaggi: 353
Iscritto il: 10 febbraio 2006, 17:17
Località: arona

Re: Neve

Messaggioda padmasana2000 » 29 novembre 2019, 21:53

Speriamo..
Trovo che lo yoga all’aperto sia molto più coinvolgente. C’è quel “qualcosa” in più..
Sarà il contatto col terreno, erba o pietra che sia, ma anche acqua o neve come oggi. Quella sensazione di avere una radice che affonda nel terreno..
Non so se sia una sensazione solo mia o se sia normale così..
Un caro saluto!
Привет!!

Avatar utente
padmasana2000
ksatriya
ksatriya
Messaggi: 353
Iscritto il: 10 febbraio 2006, 17:17
Località: arona

Tummo ?

Messaggioda padmasana2000 » 2 dicembre 2019, 15:17

Continuando quello che dicevo qualche giorno fa..
Nei giorni seguenti ho continuato a praticare all'aperto; ho notato che sempre, dopo una iniziale sensazione di freddo, dopo pochi minuti di pratica di maha bandha la sensazione diminuisce fino quasi a scomparire del tutto e che, restando perfettamente immobile, ho la sensazione di essere "avvolto" da un sottile strato di aria tiepida, che però svanisce al primo accenno di brezza o appena mi muovo o aumento il ritmo respiratorio.
Credo che il lavoro muscolare necessario per maha bandha produca calore sufficiente a resistere praticando all'aperto anche in inverno.
Per il momento, comunque, non ho sintomi di raffreddore ...
Ricordo di aver sentito parlare di Milarepa che resisteva all'inverno himalayano, ben peggiore del nostro, con una leggera tunica di cotone. forse c'è un fondamento di verità in quello che si dice sul Tummo ...
Qualcuno ne sa di più od ha esperienza in merito ?

Un caro saluto,

Luca
Привет!!


Torna a “Yoga e vita quotidiana”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 3 ospiti