tantra e yoga secondo osho

tantra-yoga, vie dello yoga vecchie e nuove
Avatar utente
selene
sudra
sudra
Messaggi: 30
Iscritto il: 3 febbraio 2008, 23:39
Località: roma

tantra e yoga secondo osho

Messaggioda selene » 4 febbraio 2008, 17:47

ho recentemente finito di leggere il libro "tantra" di Osho Rajneesh,dove viene analizzato il canto Mahamudra di Tilopa. mi è sembrato di capire dalla lettura meditata di piu di un capitolo che osho si schiera contro lo yoga. egli afferma che lo yoga è la via del guerriero mentre il tantra è la via regia.secondo l'autore lo yoga crea un conflitto interno,distinguendo tra bene e male.il guerriero(lo yogi) combatte contro il negativo,e nel farlo è violento e aggressivo.
in sostanza,l'essere umano prova inevitabilmente odio. e lo yoga ti dice di sopprimere l'odio e coltivare la calma. ma quell'odio c'è,è concreto.l'odio represso verrà ricacciato nell'inconscio ,e in un attimo di inconsapevolezza eccolo affiorare in superficie.
la questione mi lascia perplessa: provo odio dovuto a latenze dell'inconscio. la via del tantra mi dice di sfogare quell'odio. la via dello yoga mi dice "coltiva la calma".
c'è qualcuno che ne sa di piu sull'argomento o ha qualche lettura da consigliarmi?
grazie, namastè

Avatar utente
Shunia
sudra
sudra
Messaggi: 26
Iscritto il: 2 febbraio 2008, 12:49
Località: L'Aquila

Odio e Tantra

Messaggioda Shunia » 4 febbraio 2008, 18:26

Ciao!
Non ho letto Osho ma capisco l'argomento.
Il Tantra fa parte dello Yoga semplicemente perchè è un insieme d'insegnamenti prodotti nella storia con fini specifici, degli 'aggiornamenti' come i volumi che si aggiungono al corpo di un'enciclopedia. Poi è diventato sinonimo esclusivo di sesso e altre cose strane. Le passioni da quello che ho capito nella pratica hanno due vie: o si lasciano stemperare con regole di astinenza e prescrizioni, come in un regime di disintossicazione, oppure si trasformano lavorando su di esse come farebbe un chimico con la materia. La filosofia tantrica segue per lo più il metodo chimico. La bestia fatta delle nostre più intime pulsioni va domata e va cavalcata attraverso la pratica, anche se il lavoro è arduo e spesso doloroso.
Come?
Passo il testimone... :wink:
OOOMMM
Shunia

Avatar utente
selene
sudra
sudra
Messaggi: 30
Iscritto il: 3 febbraio 2008, 23:39
Località: roma

Messaggioda selene » 4 febbraio 2008, 18:46

ciao! credo di aver capito cosa intendi quando dici:

"le passioni si trasformano lavorando su di esse come farebbe un chimico con la materia".
equivale ad operare una trasformazione alchemica del dolore o dell'odio in energia creatrice.
in sostanza,se si prova odio non si possono tagliare i rami,ma le radici ed andare a cercare le cause ultime di quell'odio,anche nelle latenze dell'inconscio.
è questo che intendi per dolore? "scavare" l'inconscio"?

AT
brahmana
brahmana
Messaggi: 2512
Iscritto il: 28 marzo 2005, 19:38

Messaggioda AT » 4 febbraio 2008, 18:52

L'interpretazione di Osho, più che dal reale tantrismo o dal reale yoga, sembrerebbe derivare dai miti tipici della controcultura e della contestazione anarcoide degli anni sessanta e settanta ( non si deve reprimere niente, culto della spontaneità idealizzata, lasciarsi andare, nessun solido riferimento etico, niente sforzo cosciente,etc. ). Un'uscita piuttosto confusa e deviante.

Avatar utente
selene
sudra
sudra
Messaggi: 30
Iscritto il: 3 febbraio 2008, 23:39
Località: roma

Messaggioda selene » 4 febbraio 2008, 19:02

ciao AT ,
grazie per la tua risposta. ad essere sincera ho parecchi dubbi riguardo Osho.ho provato a leggere qualcosa su questo forum ma non ho trovato nulla di illuminante al riguardo.
mi è sembrato di capire che per te osho è uno pseudo-maestro e in parte concordo con la tua opinione.
formulo un'altra domanda (spero sia chiara): che cosa dice lo yoga riguardo l'odio e piu in generale la parte "ombra" dell'esssere umano?

Yogavira
brahmana
brahmana
Messaggi: 1229
Iscritto il: 23 settembre 2006, 21:47

Messaggioda Yogavira » 4 febbraio 2008, 22:20

Selene ha scritto

c'è qualcuno che ne sa di piu sull'argomento o ha qualche lettura da consigliarmi?

Forse dovresti cominciare a studiare gli Yogasutra, tra i quali, nel frattempo, i più urgenti sono tutti quelli del Primo capitolo fino al 39 e il Secondo fino al sutra 9.
Per il momento.
Immagine mitico ! Immagine

Avatar utente
selene
sudra
sudra
Messaggi: 30
Iscritto il: 3 febbraio 2008, 23:39
Località: roma

Messaggioda selene » 4 febbraio 2008, 22:43

Yogavira ha scritto:Selene ha scritto

c'è qualcuno che ne sa di piu sull'argomento o ha qualche lettura da consigliarmi?

Forse dovresti cominciare a studiare gli Yogasutra, tra i quali, nel frattempo, i più urgenti sono tutti quelli del Primo capitolo fino al 39 e il Secondo fino al sutra 9.
Per il momento.


grazie per il prezioso consiglio. da domani mi dedicherò agli yogasutra di Patanjali,in particolare le parti che mi hai segnalato.namastè

AT
brahmana
brahmana
Messaggi: 2512
Iscritto il: 28 marzo 2005, 19:38

Messaggioda AT » 4 febbraio 2008, 23:58

selene ha scritto:ciao AT ,
mi è sembrato di capire che per te osho è uno pseudo-maestro e in parte concordo con la tua opinione.



Non ho giudicato Osho, ma questa particolare opinione di Osho sul Tantra e sullo Yoga.

Avatar utente
Shunia
sudra
sudra
Messaggi: 26
Iscritto il: 2 febbraio 2008, 12:49
Località: L'Aquila

Tantra per Selene

Messaggioda Shunia » 5 febbraio 2008, 12:05

Patanjali è un fondamento e va studiato. Ma non credo che sia una fonte sacra dove ricondurre ogni dubbio insoluto, con tutto il rispetto per coloro che ne sono devoti.
Il rapporto coflittuale con le proprie passioni e il bisogno di dover prendere una scelta seppur dannosa per qualcuno è il tema centrale della Bhagavadgita dove si parla in maniera profonda dell'animo umano. Ma ahimè anche questo libro è tosto...non resta che andare alle origini del nostro pensare moderno ed affrontare F. Nietzsche.
Comunque la risposta è dentro di noi ma è sempre sbagliata! :mrgreen:
OOOMMM
Shunia

Avatar utente
gb
brahmana
brahmana
Messaggi: 4294
Iscritto il: 26 aprile 2005, 17:49

Messaggioda gb » 5 febbraio 2008, 14:08

Hai parlato do odio: odio è un'emozione, le emozioni sono un meccanismo di apprendimento, un meccanismo di autodifesa, un meccanismo che fa compiere azioni.

Focalizziamoci su quest'ultima definizione: e-mozione, provocare il movimento, fare muovere, fare compiere azioni.

Se si considera che l'emozione è un meccanismo per spingere un individuo a compiere un'azione, possiamo cercare di staccare il collegamento tra questa sorta fi meccanismo/forza motrice, e l'azione che ne è "spinta" fuori nel mondo.

Quindi possiamo "non agire" le emozioni.

In questo modo non si sopprime o reprime l'emozione, ma si ha la possibilità di osservarla.

Dividiamo emozione e azione, troviamo quello che le lega e sospendiamolo per un pò: sospendiamo l'azione, osserviamo l'emozione.

In un primo momento possiamo sospendere l'azione più appariscente, come urlare, battere i piedi, picchiare.

Poi possiamo provare a sospendere anche l'azione meno appariscente (neurovegetativa?) come battiti del cuore accelerati, sudorazione, tensioni muscolari.

L'emozione è molto bella da osservare, ma se tramutata in azione avrà inevitabilmente conseguenze.

Proviamo a fare un passo indietro.
“Negli alberi, nel vento, nell’acqua perenne,
nella terra, nella luce, nella roccia inflessibile”
Giovanni Vannucci

Avatar utente
Shunia
sudra
sudra
Messaggi: 26
Iscritto il: 2 febbraio 2008, 12:49
Località: L'Aquila

sospensione

Messaggioda Shunia » 5 febbraio 2008, 14:23

Perchè è necessario sospendere?
Certo se ne sei capace tanto di cappello, ma occhio, è difficile stabilire la linea di confine tra sospensione e repressione. Abbiamo dentro letteralmente oceani di emozioni, enormi stelle di passioni e cercare di sospenderne il funzionamento o il loro processo non sempre è giusto o salutare. Un bravo artista non cancella gli errori commessi ma li rende parte integrante del suo lavoro...
OOOMMM
Shunia

Avatar utente
gb
brahmana
brahmana
Messaggi: 4294
Iscritto il: 26 aprile 2005, 17:49

Messaggioda gb » 5 febbraio 2008, 14:47

Quella proposta è una pratica.

La tua risposta cos'è?
“Negli alberi, nel vento, nell’acqua perenne,

nella terra, nella luce, nella roccia inflessibile”

Giovanni Vannucci

Avatar utente
Shunia
sudra
sudra
Messaggi: 26
Iscritto il: 2 febbraio 2008, 12:49
Località: L'Aquila

pratica

Messaggioda Shunia » 5 febbraio 2008, 14:52

Anche la mia è una pratica, parlo per esperienza non per teorie!
OOOMMM
Shunia

AT
brahmana
brahmana
Messaggi: 2512
Iscritto il: 28 marzo 2005, 19:38

Messaggioda AT » 5 febbraio 2008, 14:52

L'attenzione cosciente, attraverso la presa di coscienza dell'esperienza del corpo, la respirazione cosciente e il rilassamento cosciente, può fare molto. Il ragionamento e i riferimenti etici e intellettuali possono fare molto altro. La natura umana non è totalmente buona, questo lo sappiamo tutti. Non è nemmeno totalmente cattiva. E' ambivalente, imperfetta, limitata, prigioniera di meccanismi e illusioni. C'è il momento della spontaneità, e c'è il momento dello sforzo. Chi si lascia totalmente andare si degrada.

Yogavira
brahmana
brahmana
Messaggi: 1229
Iscritto il: 23 settembre 2006, 21:47

Messaggioda Yogavira » 5 febbraio 2008, 15:05

Mi viene 'spontaneo' anche dire : o lo Yoga lo fai sul serio e affronti tutti i mostri, oppure fai un'oretta di relax e posture, respirazione cosciente, e ti rinfranchi un pò l'animo e il corpo.
Le due cose sono entrambi possibili e lecite, ma profondamente diverse.

Il maestro Yoda direbbe 'Non esiste provare, esiste fare o non fare !'

Yoga non si può 'minestrare' con la filosofia del '900 pre-positivista, ma semmai, trasversalmente, con la fisica relativistica del '900 (ma detto ciò in maniera concisa e lapidaria).

Il Tantra non si prova, se no ti fai bua, come non si può affrontare l'Everest se non sei un alpinista provetto.
Il Tantra è la fine , non l'inizio.
Yoga è una montagna non un mare.

....l'odio ?? O perdoni, o vivi la tua vita sul serio e te ne freghi (magari come, chi l'ho ha detto ManRay o Gimno ? 'Alzi il dito medio' !) oppure implodi e magari prima o poi ti ammali.
Immagine mitico ! Immagine


Torna a “Tantra e altre vie”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite