tantra baggianate

tantra-yoga, vie dello yoga vecchie e nuove
Paolo proietti
brahmana
brahmana
Messaggi: 5644
Iscritto il: 8 maggio 2005, 20:58
Località: Padova
Contatta:

tantra baggianate

Messaggioda Paolo proietti » 6 maggio 2007, 1:00

Vedo che periodicamente si riaccende il morboso interesse per il tantrismo sessuale.
ogni volta mi stupisco.
da quello che leggo si parla di tantra ma non si sa cosa è il tantra.

i tantra sono dei testi.
testi fatti risalire direttamente o indirettamente a Shiva nello shivaismo.
testi fatti risalire direttamente a Buddha Shakiamuni nel Buddismo.

l'aspetto sessuale ha paradossalmente spazio limitato nei testi tantrici.

il consiglio spassionato che si può dare è di andare direttamente alle fonti.

leggere il mahanirvana tantra pubblicato per la prima volta in india nel 1913 e stampato in Italia per i loghi delle edizioni mediterranee e l'introduzione e la traduzione dal sanscrito di Avalon può essere utile a chiarire un pò le idee.

se uno vuol diventare platonico deve leggere direttamente platone e Plotino.
se uno vuol diventare taoista deve leggere direttamente lao tze e Chuang tzu.

é successo che una mia amica sia andata a chiedere in libreria il mahanirvana tantra e che si sia allontanata perchè aveva l'impressione che la gente la guardasse come una ninfomane.

pazzesco!
il Mahanirvana tantra non parla quasi mai di sesso e mai di tecniche sessuali.

l'idea che gli orientali hanno del sesso è completamente diversa dalla nostra.
Il considerare il tantrismo come una tecnica per liberarci dai tabù o per avere una vita sessuale migliore è come, per un cristiano, considerare l'ecaurestia una maniera per recuperare dei carboidrati.

l'immagine distorta che abbiamo del tantra nace dai templi perduti di raja raja.

si tratta di una serie di templi e sculture meravigliose fatte costruire dal grande sovrano indiano intorno all'anno mille nel sud dell'india.
sono quelli descritti da kipling nel libro della Giungla.
la città delle scimmie.

E' accaduto che un militare inglese che era stato condotto dagli indiani in visita ai meravigliosi templi di shiva, sia rimasto shoccato dalle raffigurazioni di accoppiamenti di dei e dalle migliaia di c azzi dipinti o scolpiti nella zona dei templi.

di ritorno nell'inghilterra vittoriana fece un resoconto di ciò che aveva visto .
il rapporto uscì dagli ambiti militari e si sparse così la fola dell'incredibile lussuria e dell'inesauribile furore erotico degli shivaiti.

in realtà i c azzi sono simboli di shiva.
il linga eretto è Shiva.
è un simbolo religioso.
per uno shivaita il linga di pietra non è dissimile, in fondo, da ciò che è la raffigurazione di Cristo per un cattolico.

le raffigurazioni degli amplessi di shiva o di quelli ,ancora più numerosi, di krisna, sono immagini religiose.

ad ogni modo i tantra sono dei testi.
anzi sono I TESTI, ovvero gli shastra, le scritture del cosiddetto kaliyuga.
la desinenza TRA (TRAM) indica che sono strumenti,utensili,macchine.
sono strumenti che servono a qualcosa.
un cammino spirituale per arrivare, secondo il mahanirvana tantra, per arrivare ad AHANG BRAMASMI (io sono il brahman).

nei tantra c'è un susseguirsi di riti, mantra, cerimonie, tecniche di respirazione e regole.
qualcuno ha detto che in realtà i tantra appartengono al marga della devozione.

se si cercano posizioni e tecniche sessuali o metodi per superare i propri tabù credo sia molto meglio studiarsi l'ars amandi di ovidio .

un abbraccio.
p.
Il Manzo non Esiste

Rudra
ksatriya
ksatriya
Messaggi: 458
Iscritto il: 25 settembre 2006, 17:15

Messaggioda Rudra » 6 maggio 2007, 8:12

Concordo con quanto riportato da Paolo.
Del resto le "degenerazione-corruzione" che ha coinvolto il pensiero tantrico è più o meno la stessa che ha toccato il Vedanta, lo Yoga etc..

Relativamente al Tantra Marga e alla sua complessità...per chi volesse approfondire e per chi volesse confrontarsi con questo pensiero sono state pubblicate opere tra le più importanti, tra le quali i testi di Abhinavagupta maestro assoluto del tantra di matrice shivaita del Kashmir.

Luce dei Tantra - Tantraloka: Ed Adelphi
Siva sutra: ed Asram Vidya
La trentina della suprema: ed Bollati Boringhieri
Essenza del Tantra: Ed. Bur
Bhagavad Gita: ed UTET

Esiste poi tutta una corrente nel sud indiano, Tamil nadu e kerala, di matrice Tantrica, ma mentre il primo è inserito in un presupposto nonduale, questo del sud...ha come presupposto la dualità-non dualità.

Parte questo..che può non interessare...mentre il Tantra kashmiriano ha un impostazione metafisica, quindi legato alla conoscenza (jnana) oltre che al rito ( dhyana-samadhi)...questo del sud, shaiva o siddha siddhanta, fa leva sui processi psicocorporei tipici dello hatha yoga.
Purtroppo in questo caso sono pochissimi i testi di riferimento. E nessuno di questi è tradotto in Italiano, se non in maniera molto parziale.

In gni caso sia nel primo che nel secondo caso..l'aspetto sessuale quindi il culto-rito nell'amplesso, "maithyuna", .ha un importanza relativa, e che comunque trova significato solo se inserito all'interno di un percorso coodificato e ben canalizzato in un contesto tradizionale.

Il resto è una barzelletta.

Ru.

Paolo proietti
brahmana
brahmana
Messaggi: 5644
Iscritto il: 8 maggio 2005, 20:58
Località: Padova
Contatta:

Messaggioda Paolo proietti » 6 maggio 2007, 13:09

Aggiungo alla lista di fratello rudra

Tantra in Tibet di Tsong-ka-pa con l'introduzione del Quattordicesimo Dalai Lama (Ubaldini editore).

"la Gemma delle tradizioni orali" di kalu Rinpoche (Ubaldini editore).
Il Manzo non Esiste

labor
brahmana
brahmana
Messaggi: 1026
Iscritto il: 7 ottobre 2005, 16:55

Messaggioda labor » 6 maggio 2007, 16:05

e di questo:

Tantra. L'altro sguardo sulla vita e sul sesso

André Van Lysebeth; ed. Mursia

cosa ne pensate? qualcuno lo ha letto?

va bene come primo approccio (sto per acquistarlo)?

del libro ho trovato la seguente descrizione:

"Nato in India migliaia di anni fa, il tantra ci comunica una visione del mondo nel contempo nuova e arcaica, esotica e sconcertante, benchè cos vicina alle nostre radici pió profonde. Secondo il tantra, l'universo nasce dall'unione cosmica dei principi Maschile e Femminile, la cui espressione sul piano umano è l'amore. Esso rivela in tal modo la dimensione nascosta e sacra dell'unione dei sessi, che cessa di essere banale per diventare una meditazione a due.

ciao

Paolo proietti
brahmana
brahmana
Messaggi: 5644
Iscritto il: 8 maggio 2005, 20:58
Località: Padova
Contatta:

Messaggioda Paolo proietti » 6 maggio 2007, 16:48

labor ha scritto:e di questo:

Tantra. L'altro sguardo sulla vita e sul sesso

André Van Lysebeth; ed. Mursia

cosa ne pensate? qualcuno lo ha letto?

va bene come primo approccio (sto per acquistarlo)?

del libro ho trovato la seguente descrizione:

"Nato in India migliaia di anni fa, il tantra ci comunica una visione del mondo nel contempo nuova e arcaica, esotica e sconcertante, benchè cos vicina alle nostre radici pió profonde. Secondo il tantra, l'universo nasce dall'unione cosmica dei principi Maschile e Femminile, la cui espressione sul piano umano è l'amore. Esso rivela in tal modo la dimensione nascosta e sacra dell'unione dei sessi, che cessa di essere banale per diventare una meditazione a due.

ciao

se cerchi di sapere qualcosa sull'india è meglio ascoltare uno studioso indiano o un olandese di amsterdam?
se cerchi di sapere qualcosa sulla tarantella è meglio ascoltare un napoletano o un neozelandese?
Il Manzo non Esiste

labor
brahmana
brahmana
Messaggi: 1026
Iscritto il: 7 ottobre 2005, 16:55

Messaggioda labor » 6 maggio 2007, 17:06

si è vero. ma Van Lysebeth, proprio perchè occidentale, potrebbe "introdurmi" nell'argomento forse meglio di un orientale ....forse potrebbe fare da "intermediario" da "interprete" meglio di un orientale. o no?

poi si può sempre approfondire.

grazie buona domenica

Nuit
sudra
sudra
Messaggi: 41
Iscritto il: 13 marzo 2007, 17:03
Località: Milano

Messaggioda Nuit » 6 maggio 2007, 17:23

La cosa più terribile su cui ebbi la sfortuna di posare gli occhi fu un libro dal semplice nome "Il Tantra, la via dell'estasi sessuale".
Era la classica americana deviata da telefilm in cui numerose coppie raccontavano di essersi nuovamente riscoperte e amate grazie al piacere che erano riuscite a darsi con queste tecniche volte all'intesa sessuale :shock:

R9+
brahmana
brahmana
Messaggi: 1354
Iscritto il: 7 marzo 2006, 22:52
Località: ovunque ci sia mare e amore

Messaggioda R9+ » 6 maggio 2007, 20:42

"l'idea che gli orientali hanno del sesso è completamente diversa dalla nostra.
Il considerare il tantrismo come una tecnica per liberarci dai tabù o per avere una vita sessuale migliore è come, per un cristiano, considerare l'ecaurestia una maniera per recuperare dei carboidrati."


Questa Paolo è proprio forte!!! :D
Mi ha fatto morire...........
anche se purtroppo c'è poco da ridere,

nessuno si è mai chiesto perchè i VERI MAESTRI si guardano bene dal proporre la pratica di certe tecniche sessuali denominate da noi Tantra?
Mentre al contrario i commercianti dello yoga ci campano?!
Non ci vuole una mente superiore per intuire che da qualche parte è nascosto l'inghippo!!

devata
brahmana
brahmana
Messaggi: 784
Iscritto il: 25 gennaio 2006, 14:14
Località: Roma

Messaggioda devata » 7 maggio 2007, 0:39

nessuno si è mai chiesto perchè i VERI MAESTRI si guardano bene dal proporre la pratica di certe tecniche sessuali denominate da noi Tantra?
Mentre al contrario i commercianti dello yoga ci campano?!
Non ci vuole una mente superiore per intuire che da qualche parte è nascosto l'inghippo!!


Ciao ricordando che anch'io penso che tantra non voglia dire sesso e che solo una parte del tantrismo si riferisce all'aspetto erotico noto come ogni volta si finisca sempre per denigrare completamente ciò che in realtà, a quanto ammesso, non si conosce.
Un conto è notare che in molti (probabilmente chi ha una conoscenza superficiale a riguardo) quando sentono la parola tantra cominciano a fare fantasie sul sesso e altro è fare delle affermazioni come quelle qui sopra che denotano un certo bigottismo.
Vedi se il tuo Maestro segue un'altra via per arrivare al divino non vuol dire che chi integra anche le tecniche di controllo del potenziale sessuale (tecniche che possono essere dei "catalizzatori" per l'elevazione dell'essere) sia un ciarlatano.
Il tuo è un pregiudizio che avevi già manifestato, lasciati una possibilità che esistano esseri che conoscano realmente certe tecniche e che siano anche in grado di trasmetterle a chi è preparato.
"Sii umile come un filo d'erba e paziente e capace di sopportare come un albero"

AT
brahmana
brahmana
Messaggi: 2512
Iscritto il: 28 marzo 2005, 19:38

Messaggioda AT » 7 maggio 2007, 1:46

se cerchi di sapere qualcosa sull'india è meglio ascoltare uno studioso indiano o un olandese di amsterdam?
se cerchi di sapere qualcosa sulla tarantella è meglio ascoltare un napoletano o un neozelandese?



Caro Proietti, non vuol dire niente. Esistono studiosi occidentali preparatissimi (che magari conoscono le lingue, hanno soggiornato in oriente per decenni e sono stati regolarmente iniziati) e studiosi indiani o cinesi cialtronissimi e confusionari.
Essere indiani non è garanzia di niente, i parametri sono altri.

Avatar utente
Marco Rotonda
vaisya
vaisya
Messaggi: 161
Iscritto il: 12 gennaio 2006, 13:51

Messaggioda Marco Rotonda » 7 maggio 2007, 2:21

apparizione fugace...

ma il Tantra del Bengala/Orissa? La Shakti dove l'abbaimo lasciata? Avalon parla di quello... anche uno studioso italiano, il vecchio Evola...

io consiglierei S'akti and S'akta (Dovrebbe esser tradotto anche in italiano... sempre dalle mediterranee)

PS: mi è guinta voce dell'esistenza di un tempio di Kali anche in Italia!!! Sono curiosissimo di vederlo :shock:

labor
brahmana
brahmana
Messaggi: 1026
Iscritto il: 7 ottobre 2005, 16:55

Messaggioda labor » 7 maggio 2007, 5:47

AT ha scritto:Caro Proietti, non vuol dire niente. Esistono studiosi occidentali preparatissimi (che magari conoscono le lingue, hanno soggiornato in oriente per decenni e sono stati regolarmente iniziati) e studiosi indiani o cinesi cialtronissimi e confusionari.
Essere indiani non è garanzia di niente, i parametri sono altri.


..questa volta sapevo di essere d'accordo con te.

però, se conosci il libro di Van Lysebeth, mi aspetto anche un parere, :)

grazie ciao

Rudra
ksatriya
ksatriya
Messaggi: 458
Iscritto il: 25 settembre 2006, 17:15

Messaggioda Rudra » 7 maggio 2007, 7:24

labor ha scritto:
AT ha scritto:Caro Proietti, non vuol dire niente. Esistono studiosi occidentali preparatissimi (che magari conoscono le lingue, hanno soggiornato in oriente per decenni e sono stati regolarmente iniziati) e studiosi indiani o cinesi cialtronissimi e confusionari.
Essere indiani non è garanzia di niente, i parametri sono altri.


..questa volta sapevo di essere d'accordo con te.

però, se conosci il libro di Van Lysebeth, mi aspetto anche un parere, :)

grazie ciao


E' il solito bignami.... Una sintesi troppo facile e superficiale.
Ru.

Avatar utente
onofrio
brahmana
brahmana
Messaggi: 1329
Iscritto il: 11 giugno 2006, 11:04
Località: varese

Messaggioda onofrio » 7 maggio 2007, 20:59

Qualche anno fà,anche io credevo che il tantra fosse un'insieme di tecniche per favorire un prolungamento, in termini di tempo,dell'atto sessuale..
tutta colpa di sting.. :lol: e i media che gli sono andati appresso..

ora..ho letto e "toccato"con mano...quello che io riesco appena ad intravedere...ma da molto lontano..praticando di tanto in tanto la ngalso del Lama Gangchen...cosa si intenda per tantra
dove sia il sesso nel tantra non lo sò... :!:
che delusione.... :mrgreen:

grazie per i testi..a tutti..

sia lode
Ultima modifica di onofrio il 8 maggio 2007, 21:50, modificato 1 volta in totale.
I MINUTI
sono più importanti degl'anni..

Avatar utente
ganesha
amministratore
Messaggi: 831
Iscritto il: 23 settembre 2004, 12:18

Tantra

Messaggioda ganesha » 8 maggio 2007, 9:19

Rudra ha scritto:
labor ha scritto:però, se conosci il libro di Van Lysebeth, mi aspetto anche un parere, :)


E' il solito bignami.... Una sintesi troppo facile e superficiale.


devo dire che a me è piaciuto molto, anche se non vengono trattate le fonti (inoltre la parte storica, molto interessante, presenta alcune teorie a quanto pare superate, secondo gli ultimi studi): trovo che l'autore riesca a tratti a sfiorare l'essenza degli insegnamenti con grande sensibilità. Naturalmente è solo un mio sentire.

shanti,
ganesha
Sii il cambiamento che vuoi vedere nella società. M. K. Gandhi


Torna a “Tantra e altre vie”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti