Tantra omosessualita e Kundalini

tantra-yoga, vie dello yoga vecchie e nuove
Kealohi
paria
paria
Messaggi: 2
Iscritto il: 27 marzo 2007, 5:12
Località: Roma

Tantra omosessualita e Kundalini

Messaggioda Kealohi » 27 marzo 2007, 6:17

Signore e signori.
Ansi tutto le chiedo moltissime scuze per non saper scrivere bene in Italiano. Sono bilingue Inglese/Spagnolo . Mi auguro que mi posa far capire. Dato che quelo che cerco di imparare sono delle consapevoleze che sicuramente quando sia cappito essatamente a che cosa voglio arrivare, poche siano le persone che c'abbiano delle parole a dire.

Mi trovo da parechio in cerca di gente che mi posa istruire su un tema che ho creato io referito a la homosessualita in riguardo ala pratica tantrica. Spiegando ansi tutto che a Los Angeles gia ci sono delle pratiche Tantra "gay" e non e quello che cerco.

Dobrei prima chiarificare che sono una persona che crede con certeza che la spinta nei bambini a voler essere insieme a i uomini sessualmente e una condizione che aviene psicologicamente e incoragiatta diciamo ormai da una cultura que ha glamorizato la homosessualita e la ambiguita sessuale.

Non e importante se io oppure altri pensino che sia sbagliata o abbia qualcosa di mala. Il mio discorso e che ci dovrebbero essere delle vie per potter secondo me guarire quelo che io credo impoverisce profondamente l'anima del uomo. Questo detto da un uomo che mai ha accetato la sua propia sessualita homosessuale ed ha per tutta una vita cercato delle risposte che non fossero condananti, oppure ignoranti.

Cuando ho letto la intrata del Maestro Devata su stimolazione anale nel forum in cui parlabi del Kundalini invertito ho cappito subito che qua ce della gente giusta con chi parlare di questo. Solo che mi trovo a Los Angeles, e quando ho cercato un po di comunicazione sia in lettura che sia con delle persone. Ho trovato un ategiamento molto occidentale, pasivo e accetante. per niente provocativo nemeno di profonda conoscenza academica.

Io credo que ci dovrebero esere conosciense piu antiche, e vicine a i origini del tantra che abbiando delle idee piu definite in riguardo al significato energetico de la somissione anale di un oumo non per motivi spirituali. Cioe... che posto oppure como si capisce il danno morale e spirituale che soffrono quelli che sono gay ma hanno una inteligenza e volonta tale di non voler esserlo . Si potrebe anche montare un discorso semplice o psicologico con termini tipo vergogna, summisione, mancanza di amore propio, guida paternale, mancanza di amore fraternale, mancanza di conoscenza del se stesso, i veri desideri propi anzi che queli viziosi... etc. Ma questo mi a gia stancato, e mi interesarebe molto di piu imparire da una mentalita e un discorso proveniente ad esempio di un uomo che creda firmemente nella bonta della heterosessualita verso il uomo anche come via piu felice e corporalmente ed integra al benessere di se stesso potendo in questo modo fare una spiegazione tantrica.

Spero che piu o meno abbia pottuto spiegare cosa cerco di scoprire e imparare.

Mano a mano che aprofondisco nelle mie idee e questa spedizione intelletuale sto aprendo due aspetti nel sogetto stesso.

a) Si puo trovare una via di sanazione mentale, chiamamola bilancio mentale se volete. una guarizione morale e spirituale per il oumo che non ha voluto una vita di homosessualita tramite la pratica tantrica ?

b) Potra el Yoga, la meditazione, la intelettualita spirituale portarci a revelare e capire questo paradigma della humanita? questa inclusione e contradizione della societa?

moltisime grazie per abbermi leto a la vostra pasienza.

Patrick. :trimonde@yahoo.com

Yogavira
brahmana
brahmana
Messaggi: 1229
Iscritto il: 23 settembre 2006, 21:47

Messaggioda Yogavira » 27 marzo 2007, 20:05

Ciao Patrick !! :)
Benvenuto !!! Mi spiace che nessuno abbia ancora risposto ai tuoi quesiti. Apprezzo molto il tono e la schiettezza del tuo messaggio : il mettersi in discussione è sempre una cosa buona.
Se vedi altrove nel forum c'è una discussione in corso che potrebbe interessarti...vai su 'stimolazione anale' che ti ho indicato sotto.
Io non so risponderti completamente a quello che chiedi quindi mi fermo a darti solo un caloroso benvenuto.
Posso dirti però che la pratica dello Yoga, fatta con impegno, costanza , serietà e studio, prima o poi, porta all'equilibrio psico-fisico.
Ciao !

(Los Angeles :shock: e chi l'ha vista/vedrà mai !!! Magari solo con una botta di tarallo tipo 6 al Superenalotto !!! ) :mrgreen:

http://www.yoga.it/forum/viewtopic.php?p=24280#24280
Immagine mitico ! Immagine

R9+
brahmana
brahmana
Messaggi: 1354
Iscritto il: 7 marzo 2006, 22:52
Località: ovunque ci sia mare e amore

Messaggioda R9+ » 27 marzo 2007, 20:55

L'anima, o scintilla Divina, allo scopo di sperimentare il mondo materializzato si riveste di un corpo fisico, cioè un apparato fisico indispensabile per vivere sulla terra.
Allo scopo di fare esperienza, e quindi di imparare, l'anima deve sperimentare l'esistenza sia in corpi maschili, che in corpi femminili, ma a volte succede che tra una incarnazione in un corpo femminile e incarnazione successiva in corpo maschile, per vari motivi, si creino delle situazioni intermedie, in cui la coscienza di quell'essere rimane condizionata dalla esistenza vissuta precedentemente, e dalla quale non si è del tutto staccato, rimanendone condizionato.
In questa situazione, quell'essere si trova in uno stato di ambiguità sessuale e di vera e propria confusione e disagio, perchè non capisce se sentirsi donna o uomo, e in effetti non è una situazione facile.
A mio avviso, le pratiche tantra omosessuali, fanno ridere e lasciano il tempo che trovano, perchè sono solo il goffo tentativo di spacciare per spirituale qualcosa che di spirituale non ha e non avrà mai niente, e a tal proposito dico solo a chi vollesse provare, di invertire i cavi della batteria dell'auto mettendo il cavo positivo al posto del neggativo, e poi provare a far girare il motorino d'avviamento per vedere cosa succede............
a buon intenditore poche parole!
Se chi si trova in questa situazione desiderasse sinceramente percorrere un cammino spiritualle, io consiglio di ricercare la purezza,
purezza e sincerità di intenti attraggono sempre gli aiuti del cielo, e chi si rivolge con preghiera sincera chiedendo di essere aiutato a superare le proprie difficoltà, non può non ricevere l'aiuto richiesto,
"Chiedete e vi sarà dato".
La mia, come qualcuno potrebbe pensare, non è sterile moralità cattolica, ma è quello che succede in verità, Gesù non è cattolico, e nemmeno Cristiano, e quello che dice vale per tutti.

fenice
paria
paria
Messaggi: 3
Iscritto il: 3 agosto 2007, 10:49

Messaggioda fenice » 3 agosto 2007, 12:13

Salve a tutti sono nuovo del forum, da quello che ho capito dal messaggio questa persona sta cercando nel tantra e nello yoga una via di salvezza per la sua omosessualità? forse dovresti cercare invece di usare il tantra o altre pratiche spirituali per accettarti per quello che sei,non penso le pratiche facciano cambiare le tendeze sessuali di una persona e non sono neppure del parere che l'omosessualità impoverisca l'animo umano. Non si può cambiare quello che si è, a mio parere sarebbe un percorso estenuante che porterebbe solo a un peggioramento delle cose, la maggior parte delle persone che non accettano le proprie tendenze sessuali le vivono in modo subdolo è allora li vengono fuori storia come il padre di famiglia con l'amante gay o i preti pedofili. Forse dovresti cercare di capire perchè il disegno divino ha voluto che tu in questa vita fossi cosi, sicuramente una ragione c'e nulla accade per caso. Tu parli di persone omosessuali con un intelligenza e una volontà tali da non volerlo essere, questo mi lascia basito, allora per te tutte le persone che vivono la propria omosessualità tranquillamente accettandola sono ignoranti e senza volontà? Il discorso che fai mi sembra molto simile a quelli che si affidano a terapie psicologiche per "guarire" da questa malattia.

lele
sudra
sudra
Messaggi: 11
Iscritto il: 25 luglio 2007, 20:57

Messaggioda lele » 3 agosto 2007, 13:02

accettati come sei, secondo me sei stato troppo influenzato negativamente, accettati come sei pensi che ora se una persona è homosessuale sia povera d'animo :lol: :lol: dai non farmi ridere, i veri problemi sono l'aggressività, la rabbia incontrollata, la voglia di non fare nulla nella vita, l'odio, questi sono i veri problemi e mi sembra che siano ben lontani dai gusti sessuali

Yogavira
brahmana
brahmana
Messaggi: 1229
Iscritto il: 23 settembre 2006, 21:47

Messaggioda Yogavira » 3 agosto 2007, 13:20

Ciao Fenice e benvenuto.
Non voglio fare predicozzi e non sono un bacchettone, ma mi pare che Patrick si sia espresso da far capire che lui ha un 'nodo' dentro, ha una vocina che gli sussurra : smetti di fare quello che fai, cerca la Luce ! Questo potrebbe anche valere per un drogato o un alcolizzato.
Che facciamo, gli diciamo : rimarrai per sempre così ???!!! Tanto più che non si tratta di un cancro all'ultimo stadio o di Alzhaimer.
Per me dirgli, rimani così, è una dichiarazione di sconfitta.
Tante le persone che si affacciano allo Yoga per moda, per curiosità, per cercare una pace, un equilibrio......pochi sanno che lo Yoga non è mettersi in padmasana e stare fermi per mezz'ora, ma è una disciplina durissima e limpida, cristallina.
Certo, ci sono varie scuole di pensiero e pratiche, ma per quel che ne so io, Patanjali codifica in maniera chiara e netta : Yama, che sono 5 voti (maha vratam) e non dei consigli, sono da seguire fino alla perfezione, senza distinzione di luogo, età, occasione, condizione sociale, ecc. e questo vale anche per il brahmacharya, anche se molti spessissimo se lo dimenticano.
Se poi vogliamo andare in palestra e rilassarci un pò e fare i fichetti o mezzi-illuminati, è un altro conto.
Circa risolvere i problemi legati al sesso con il Tantra, questa è un'altra ca...ta colossale.
Meglio uscire di casa, fare un pò di volontariato, conoscere altra persone, farsi una chiacchierata con uno psicologo, un buon amico , un bravo prete, telefonare ad una vecchia amica.....i modi per uscire dalla confusione e dalla solitudine sono tanti.
Si parla di Tantra e si pensa al sesso.....quanta ignoranza.
:shock:
Immagine mitico ! Immagine

lele
sudra
sudra
Messaggi: 11
Iscritto il: 25 luglio 2007, 20:57

Messaggioda lele » 3 agosto 2007, 13:33

E se quella vocina che gli dice smetti di fare quello che fai e cerca la luce sia ciò che voi chiamate Ego :wink:

Un altra cosa se dici che ci sono tante scuole di pensiero, non puoi affermare patanjali in maniera piena perchè patanjali ti mostra una vita, ma ce ne sono tante

Yogavira
brahmana
brahmana
Messaggi: 1229
Iscritto il: 23 settembre 2006, 21:47

Messaggioda Yogavira » 3 agosto 2007, 14:30

Lele ha scritto

E se quella vocina che gli dice smetti di fare quello che fai e cerca la luce sia ciò che voi chiamate Ego ?

Mai sentito parlare di coscienza ??
Tu sei capace di distinguere la coscienza dall'ego ?
Sai distinguere un senso di colpa da un disagio psicofisico ??
Sai distinguere un attacco di pignoleria dalla virtù dell'ordine ?
Sai distinguere la pigrizia da un sano relax ?
Eccetera eccetera.....

p.s. Lo Yoga è uno solo, con varie diramazioni, vero, ma non è una mangiata di caramelle : fate pure le vostre asana, ma non smettete lo studio e la ricerca. Hai mai letto Patanjali, Lele ?
Immagine mitico ! Immagine

Avatar utente
fabio
moderatore
Messaggi: 3075
Iscritto il: 24 marzo 2006, 11:35

Messaggioda fabio » 3 agosto 2007, 14:44

Yogavira ha scritto:Meglio uscire di casa, fare un pò di volontariato, conoscere altra persone, farsi una chiacchierata con uno psicologo, un buon amico , un bravo prete, telefonare ad una vecchia amica.....i modi per uscire dalla confusione e dalla solitudine sono tanti.


yoga è vita. questo è yoga.
IL GRANDE CONTROLLORE

fenice
paria
paria
Messaggi: 3
Iscritto il: 3 agosto 2007, 10:49

Messaggioda fenice » 3 agosto 2007, 15:37

Per me è sbagliato paragonare l'omosessualità alla droga o all'alcolismo, infatti questi ultimi sono sostanze che provocano assuefazione a livello biochimico, l'omosessualità è una scelta , nessuno è obbligato a farlo e non penso che dia assuefazione, se la cosa crea dei problemi si smette.
Per quanto riguarda la vocina che dice di cercare la luce per me la vera luce è l'amore e di sicuro non importa se questo amore è omosessuale o eterosessuale, basta che sia un sentimento puro e lucente. E' vero le leggi di yama non sono dei consigli ma chi le segue tutte alla lettera e alla perfezione?(secondo queste leggi non potresti neanche mangiarti le unghie (è violenza verso se stessi) o ammazzare un moscerino) sono come i dieci comandamenti, sfido a trovare una persona che li segua tutti alla lettera eppure tutti vanno in chiesa e praticano senza problemi.

Avatar utente
pushan
brahmana
brahmana
Messaggi: 1727
Iscritto il: 15 gennaio 2007, 11:57

Messaggioda pushan » 3 agosto 2007, 18:02

fenice ha scritto:Per me è sbagliato paragonare l'omosessualità alla droga o all'alcolismo, infatti questi ultimi sono sostanze che provocano assuefazione a livello biochimico, l'omosessualità è una scelta , nessuno è obbligato a farlo e non penso che dia assuefazione, se la cosa crea dei problemi si smette.
Per quanto riguarda la vocina che dice di cercare la luce per me la vera luce è l'amore e di sicuro non importa se questo amore è omosessuale o eterosessuale, basta che sia un sentimento puro e lucente. E' vero le leggi di yama non sono dei consigli ma chi le segue tutte alla lettera e alla perfezione?(secondo queste leggi non potresti neanche mangiarti le unghie (è violenza verso se stessi) o ammazzare un moscerino) sono come i dieci comandamenti, sfido a trovare una persona che li segua tutti alla lettera eppure tutti vanno in chiesa e praticano senza problemi.


lo yoga di Patanjali indica la direzione della continenza, santosha, essere contenti di ciò che si ha e di ciò che si è, e contemporaneamente invita al tapas: l'austerità.
Queste indicazioni, dal mio punto di vista possono essere anche ribaltate sul comportamento sessuale, etero o omo che sia.
Sapersi accontentare vuol dire, secondo me, vedere il partner come una persona e non come un oggetto del desiderio, ora da possedere, ora da superare con lo sviluppo della tensione verso un altro oggetto più desiderabile, spesso partorito dall'immaginazione o da un ideale abbastanza sfuggente di quello che secondo noi è amore con la a maiuscola....
Sotto l'ombrello di alcune "parole magiche": tantra della mano sinistra, magia sacra rituale, sciamanesimo a volte si innestano delle ricerche di sperimentazione erotica, spesso malata alla radice. Poi basta fare un giro sul web e dare un'occhiata per capire quanto le distorsioni del desiderio calino nell'abisso....e la torcia, ce l'avranno una torcia? Mah!
non so....la pratica dello yoga invita al progresso lento, circostanziato, compreso in tutto lo sviluppo degli otto gradini e relativi pianerottoli...... :mrgreen: Qualcosa di così semplice da essere quasi invisibile: lo zen insegna....
lo stesso il tantra: la trama della vita che come una stoffa è intessuta di mille e mille fili lucenti con i suoi nodi e i suoi arabeschi, strappi, rammendi....
filo per filo il tantra insegna a conoscere le energie che si muovono con noi nella vita quotidiana e che sono esaltate nell'incontro sessuale tra due corpi, due uova di stringhe luminose (come li descriveva Castaneda) che scelgono di interagire, di fondersi, di esplodere in un'apoteosi di un qualcosa che non si sa bene che cos'è....oltre l'orgasmo? estasi?
A cavallo delle energie si traversa il cielo....pieno di strida di creature che si muovano volando e lanciando le loro strida di richiamo.....di nuvole, a volte tempestose....di oggetti volanti non ben identificati :mrgreen:
yoga è qualcosa di così semplice da essere invisibile, trasparente, rende le persone trasparenti a se stesse, prima di tutto.
diceva un amico del foro che lo yoga non è l'unico metodo, ce ne sono tanti....
certo....sono tanti i fili della stoffa, ma yoga è l'ago che permette di formare un arazzo, secondo la nostra creatività interiore unendo tutti i fili del nostro vissuto (yoga=unione) e con la capacità e l'umiltà di intrecciarci e annodarci con i fili degli altri.
Tutto questo nella pace più assoluta......samadhi.....nella perfetta equanimità, senza più domande, pura accettazione, pura armonia in se stessa, puro amore.
Siamo capaci?
in modo un po' incostante, diciamo che ci proviamo.... :mrgreen:
volando di qua e di là, senza mai smettere di osservare come l'interno si rapporti all'esterno, noi agli altri, BADABANG!
la trama della stoffa è scomparsa, le danzatrici del cielo (le cinque energie del tantra) si riposano nella vacuità.
Chi sono io?
Cos'è il tantra? dov'è la stoffa!
ah già era scomparsa!
la stoffa ci dà un senso di sicurezza.
Nel tantra della mano sinistra, (quello tanto chiacchierato sul web) si affronta prima il sesso (e abbastanza rapidamente) e poi la morte: cadaveri, cimiteri, teschi, fantasmi, crematori dell'io, paure e desideri che bruciano sulla pira cercando di illuminare una notte tanto buia da non poter fare a meno di strizzarsi le budella! :mrgreen: :mrgreen: 8)
ciao
pushan

lele
sudra
sudra
Messaggi: 11
Iscritto il: 25 luglio 2007, 20:57

Messaggioda lele » 3 agosto 2007, 19:52

Yogavira ha scritto:Lele ha scritto

E se quella vocina che gli dice smetti di fare quello che fai e cerca la luce sia ciò che voi chiamate Ego ?

Mai sentito parlare di coscienza ??
Tu sei capace di distinguere la coscienza dall'ego ?
Sai distinguere un senso di colpa da un disagio psicofisico ??
Sai distinguere un attacco di pignoleria dalla virtù dell'ordine ?
Sai distinguere la pigrizia da un sano relax ?
Eccetera eccetera.....

p.s. Lo Yoga è uno solo, con varie diramazioni, vero, ma non è una mangiata di caramelle : fate pure le vostre asana, ma non smettete lo studio e la ricerca. Hai mai letto Patanjali, Lele ?


Ti senti in colpa quando sai che ciò che hai fatto è sbagliato, ma quando qualcun altro (la società) ti infila in testa certe cose e tu ci vai dietro credendo che ciò che fai è sbagliato questa non è coscienza e Ego e lasciarsi influenzare
Perchè mettere in mezzo patanjali? intanto come sopra ho specificato che ci sono tante vie, secondo l'homosessualità non è una scelta ma dipende da alcuni ormoni che creano questa condizione al feto stesso prima ancora di nascere

Non basarti su yama, pensa più tosto se ti comporti male e o bene e i problemi cerca di ragionarci tu per capire cosa è giusto o sbagliato...
non sei in grado di ragionare su un problema da solo?

Per Kealohi... lascia perdere tutti questi problemi che ti fai e inizia a porti delle domande... ho invidia? sono collerico con chi mi sta intorno? voglio il male di chi mi sta intorno, ho odio? sono pigro?, sono stressato? sono attivo?
ho degli obbiettivi da raggiungere nella vita (es: carriera, ecc...)?

fatti queste domande se stai male il problema e in queste domande non nella homosessualità


Torna a “Tantra e altre vie”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite

cron